La Corte dei Conti ha archiviato l’inchiesta avviata nel settembre 2013 su Standard&Poor’s per il declassamento del debito sovrano italiano deciso dall’agenzia di rating nel 2011. “S&P ha sempre dichiarato che i rilievi mossi dalla Corte dei Conti erano infondati e privi di merito”, si legge in una nota dell’agenzia, “e si augura che analoga valutazione arrivi dalla procura di Trani”, dove come è noto sono in corso due processi nei confronti di sei manager e analisti della stessa S&P e di Fitch. L’agenzia, prosegue il comunicato, “ha costantemente svolto il proprio ruolo fornendo una valutazione oggettiva ed indipendente del debito sovrano italiano, in applicazione delle proprie metodologie e nel rispetto dei propri standard qualitativi nonché della regolamentazione europea”.

Un anno fa il Financial Times ha rivelato che i magistrati contabili avevano notificato alle maggiori agenzie – compresa Moody’s – un atto di citazione che le accusava di non aver tenuto conto, nel valutare il merito di credito dell’Italia, dell'”alto valore del patrimonio storico, culturale e artistico del nostro Paese che è universalmente riconosciuto e rappresenta la base della sua forza economica”. E di aver così preso decisioni sbagliate, con l’effetto di far salire alle stelle lo spread tra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi. Per questo la Corte chiedeva l’astronomico risarcimento di 234 miliardi di euro.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Made in China le divise di Carabinieri e Finanza. Indagati 12 fornitori dell’Arma

next
Articolo Successivo

“Disagio economico per una famiglia su 4, un giovane su 4 non studia né lavora”

next