La Corte dei Conti ha archiviato l’inchiesta avviata nel settembre 2013 su Standard&Poor’s per il declassamento del debito sovrano italiano deciso dall’agenzia di rating nel 2011. “S&P ha sempre dichiarato che i rilievi mossi dalla Corte dei Conti erano infondati e privi di merito”, si legge in una nota dell’agenzia, “e si augura che analoga valutazione arrivi dalla procura di Trani”, dove come è noto sono in corso due processi nei confronti di sei manager e analisti della stessa S&P e di Fitch. L’agenzia, prosegue il comunicato, “ha costantemente svolto il proprio ruolo fornendo una valutazione oggettiva ed indipendente del debito sovrano italiano, in applicazione delle proprie metodologie e nel rispetto dei propri standard qualitativi nonché della regolamentazione europea”.

Un anno fa il Financial Times ha rivelato che i magistrati contabili avevano notificato alle maggiori agenzie – compresa Moody’s – un atto di citazione che le accusava di non aver tenuto conto, nel valutare il merito di credito dell’Italia, dell'”alto valore del patrimonio storico, culturale e artistico del nostro Paese che è universalmente riconosciuto e rappresenta la base della sua forza economica”. E di aver così preso decisioni sbagliate, con l’effetto di far salire alle stelle lo spread tra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi. Per questo la Corte chiedeva l’astronomico risarcimento di 234 miliardi di euro.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Made in China le divise di Carabinieri e Finanza. Indagati 12 fornitori dell’Arma

next
Articolo Successivo

“Disagio economico per una famiglia su 4, un giovane su 4 non studia né lavora”

next