Il gettito della Tasi e dell’Imu sulla prima casa nel 2014 è stato di 3,5 milardi di euro, il 12,6 per cento in meno rispetto ai 4 miliardi della sola Imu del 2012, quando ancora non c’era la Tasi. Dal rapporto dell’Agenzia delle entrate e del ministero del Tesoro, secondo cui i contribuenti hanno pagato in media 204 euro a testa, rispetto ai 227 del 2012, emerge però un altro dato: il cosiddetto tax gap.

Si tratta, in soldoni, dell’evasione fiscale, in questo caso relativa al settore immobiliare, calcolata appunto tra il totale delle imposte che in teoria l’erario avrebbe dovuto incassare e quelle effettivamente percepite. La cifra è di 4,3 miliardi di euro, ossia circa il 18,4 per cento del gettito inizialmente previsto dal pagamento di Tasi e Imu. Rispetto al 2012 non è cambiato nulla, poiché la percentuale è praticamente la stessa. In sostanza, viene evaso 1 euro ogni 5 dovuti per le tasse sugli immobili. Il tutto nonostante tre famiglie italiane su quattro risiedano in case di proprietà.

Nel complesso la differenza di gettito tra il 2014 e quello dell’anno dell’introduzione dell’Imposta Municipale Unica è stata minima, dato che nel 2o14, tra Tasi e Imu, è stato di 23,9 miliardi, contro i 23,8 del 2012. Nel dettaglio, l’Imu ha fatto guadagnare alle casse dello Stato 19,3 miliardi, mentre il Tributo sui Servizi Indivisibili ha prodotto un gettito di 4,6 miliardi di euro.

I dati del ministero del Tesoro hanno evidenziato anche un lieve aumento, rispetto all’anno precedente, delle imposte sui trasferimenti, che passano da 8,7 a 8,9 miliardi di euro, a seguito della leggera ripresa del mercato immobiliare nel terzo trimestre 2014.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caltagirone, accordo con Rcs. Gestirà la raccolta pubblicitaria delle edizioni locali

prev
Articolo Successivo

Pubblicità ingannevole, multa di 1 milione ai produttori di patatine

next