La prima poesia
dopo un sacco di tempo
non parla del cielo
nemmanco del mare
non parla di sole
tramonti
di lune calanti
non parla di me.
La prima poesia
dopo un sacco di tempo
racconta
le tue piccole tette.
E dice di film interrotti dai baci
e dice
che amo dormire dentro i tuoi capelli.
E viaggia ai trecento
la prima poesia
circondata dai campi di neve
e dice
abbi fiducia
e dico
mi piacciono, sai, le tue piccole tette.
– E poi? –
Mi piacciono le tue piccole tette
ed i tuoi pensieri
e siccome ti piace
sentirmiti dire
quel che amo di te
ascolta:
la prima poesia
dopo un sacco di tempo
ti dice
ci dice
che amo
quelle piccole tette
che sembrano frutti di marzapane
e sono perfette
per ‘ste piccole mani
che io mi ritrovo.
La prima poesia
dopo un sacco di tempo
volevo sapessi
è solo per te.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Christian Salmon: “Matteo Renzi? E’ l’interprete della vecchia destra neo-liberale”

next
Articolo Successivo

Como, area ex Ticosa: una biblioteca come monumento di archeologia industriale?

next