Non ci posso credere. E, infatti, probabilmente non è vero. Che a infinocchiare i greci di Tsipras, o almeno a dare loro a bere di non avere più a che fare con l’odiata Troika (Commissione europea, Banca centrale europea, Fondo monetario internazionale), sia bastato un artificio lessicale. Ormai, infatti, i portavoce europei ti spiegano, trattenendo a stento il sorriso, che il governo di Atene non dialoga con la Troika, ma con “le istituzioni coinvolte nel piano d’assistenza finanziaria alla Grecia”, che sono – guarda un po’ – Commissione europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale.

Tspiras-Hollande

E’ il gioco delle tre carte, anzi delle tre Troike, di cui i mediterranei sono più specialisti dei nordici. Almeno, questa è la vulgata. Carta vince, carta perde, la sposto qui, la sposto là, dov’è la Troika?, qui?, No, c’è la Commissione. Qui?, no c’è la Bce. Qui?, No, c’è l’Fmi. La Troika è sparita.

E’ improbabile che il buon Tsipras con l’aria da bravo ragazzo che è tanto piaciuta pure alla Merkel e il fido Varoufakis con l’aria da post-metallaro se la siano bevuta. Il fatto è che la finta fa comodo a tutti, ad Atene e a Bruxelles, per uscire da un impasse più di forma che di sostanza. La Grecia cancella la Troika dal suo presente, in attesa di riuscire a cancellarla – è più difficile – dal suo passato, magari con un esercizio di revisione alla 1984. E le istituzioni comunitarie aggirano un ostacolo che rendeva laborioso il parlarsi, oltre che il mettersi d’accordo. Basta capirsi. E magari strizzarsi l’occhio.

Il Vertice europeo ha fatto lo slalom fra le crisi, riuscendo a infilarsi fra i paletti senza toccarne nessuno, nonostante  l’incontro cadesse al crocevia di frizioni drammatiche: una manciata d’Ucraina, una noce di Grecia, un pizzico di terrore, una spruzzata di immigrazione… Ci si è solo dimenticati del ‘piano Juncker’, che doveva essere il fulcro del dibattito. Ne è venuto fuori, testimonia proprio Juncker, “un Consiglio molto piacevole contro ogni attesa”.

Sulla Grecia, è un continuo rinviare e, intanto, cercare di smorzare. Da parte dell’Ue. Ché Atene rinvia, ma fatica a smorzare. Anche se, prima o poi, dovrà abbozzare. Istituzioni e mercati persistono a credere che tutto finirà bene e probabilmente hanno ragione: la Merkel, sempre lei, detta la linea e, dopo l’incontro con Tsipras, dice che bisogna “cercare un compromesso”, che ovviamente comporterà “benefici e svantaggi” per tutte le parti.

Adesso, l’attenzione è già spostata su lunedì, cioè sul nuovo incontro dell’Eurogruppo, i ministri delle finanze dell’Eurozona. Di qui ad allora, vanno avanti gli incontri tecnici fra il governo greco e gli interlocutori europei. Chi?, la Troika?  No!, quando mai!, i rappresentanti “delle istituzioni coinvolte nel piano di assistenza finanziaria alla Grecia”, precisa il portavoce che parla come un navigatore satellitare. Ma gli scappa da ridere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ue, la questione tedesca

next
Articolo Successivo

Euroexit, la domanda chiave da porsi: cosa succederebbe ai mercati finanziari?

next