Editoriale di Marco Travaglio, che analizza le promesse del governo Renzi, in procinto di festeggiare il suo primo compleanno il 22 febbraio. E osserva: “Ma ci siamo scordati l’altro storico anniversario: quello dell’hashtag ‪#‎enricostaisereno‬ lanciato nel salotto della Bignardi. L’indomani Renzi ricevette Berlusconi al Nazareno per stringere il famoso patto scritto con l’inchiostro simpatico, poi salì al Quirinale da Napolitano con l’avviso di sfratto per Letta. Lo fece sfiduciare dal partito e portò a Napolitano la lista dei ministri”. E aggiunge: “Da allora il grande twittatore ha promesso di tutto. Un piano ventennale, e tutto in 100 giorni, che poi sono diventati mille, poi 10 anni”. Il direttore de Il Fatto Quotidiano elenca le 15 promesse del premier: dall’articolo 18 al Pil e alla disoccupazione, dagli strumenti per combattere le mafie al salario minimo nel Jobs Act, dal fisco alle unioni civili, dalle pensioni alla scuola

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Renzoni: “Senza patto del Nazareno, Mediaset rischia grosso”

next
Articolo Successivo

Riforme, rissa notturna alla Camera: tra i deputati di Sel e Pd finisce a pugni

next