Copertina di Maurizio Crozza, che apre la nuova puntata di Dimartedì (La7), soffermandosi sull’inchiesta Swissleaks e calandosi nei panni di Flavio Briatore: “Portavo i soldi a Ginevra, perché avevano delle agendine da ‘sciogno’: erano di raso rosa con la cornice in radica. E c’erano anche i tasti del bancomat riscaldati. Come diceva il grande leader Martin Luther Sting, “I have an Iban”. I soldi in Svizzera per trasferimenti in paradisi fiscali? Solo pettegolezzi da Fiamme Gialle al parrucchiere“. Crozza torna nelle sue vesti e commenta: “In questo Paese è tutto regolare. Anche la frode fiscale. In Italia Renzi e Boschi vorrebbero depenalizzarla: cambia verso e diventa regolare“. Il comico imita Antonio Conte e poi si sofferma sul cambio di casacca recente di vari parlamentari: “E’ tutto regolare. In Italia mica c’è il vincolo di mandato, ci mancherebbe. Quante volte abbiamo visto Bolt partire coi 100 metri e poi finire a rana? E’ regolare che siamo un Paese… come si dice in francese? Del cazzo. Questa è la legislatura con più parlamentari che cambiano casacca. Ma che senso ha votare? Tanto si siedono dove cazzo vogliono“. Affondo finale per Salvini, ospite in collegamento: “Aveva giurato che non si sarebbe mai alleato con Berlusconi e ora si allea con lui. Cosa hanno in comune? L’amore per Putin. Uno ci va perché è contro la Troika, l’altro ci andava perché la Troika sperava di trovarla già nel lettone”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

FI, Razzi: “A Renzi glielo dico da amico ‘fatti i cazzi di tutti gli italiani'”

prev
Articolo Successivo

Santanchè vs Dambruoso: “Non mi siedo vicino a chi ha messo le mani addosso a una donna”

next