Sono due i punti fermi della Russia per risolvere la crisi ucraina, che finora ha causato oltre cinquemila vittime. A differenza di quanto dichiarato dalla Nato e da Hollande, che ha ipotizzato uno scenario di guerra nel caso non si riesca a trovare un accordo, Putin ha chiarito che il Cremlino non vuole nessun conflitto armato. E anche il segretario di Stato Usa John Kerry ha assicurato “che non ci sono divisioni, noi siamo uniti, siamo uniti nella diplomazia e lavoriamo insieme, tutti d’accordo sul fatto che non possa esserci una soluzione militare”.

Ed è sul fronte delle armi che corre la tensione tra gli Stati Uniti, che continuano a tenere aperta l’opzione di fornire armi a Kiev, e Mosca. Un’opzione alla quale è contraria gran parte dei Paesi Ue, Germania in testa. Ma secondo il capo della diplomazia, Serghiei Lavrov, che sabato 7 febbraio ha incontrato a Monaco la cancelliera Angela Merkel, il piano discusso a Washington di fornire armi all’Ucraina potrebbe avere conseguenze imprevedibili e minare gli sforzi per una soluzione politica alla crisi. Lavrov ha anche assicurato che Mosca è pronta ad agire come garante di un eventuale accordo.

In tarda mattinata si è poi conclusa l’attesa conference call in ‘formato Normandia’ tra il leader del Cremlino Vladimir Putin, il presidente ucraino Petro Poroshenko, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Francoise Hollande per tirare le somme dei negoziati dei giorni scorsi sul nuovo piano di pace per il Donbass, frutto di una controproposta franco-tedesca ad una proposta del Cremlino. Nessuna conclusione, anche se i leader hanno proposto incontrarsi mercoledì a Minsk, capitale della Bielorussia. Riguardo il contenuto della conference call, il sito della presidenza ucraina ha scritto che sono stati fatti “progressi” e che i quattro leader si aspettano che i loro colloqui la prossima settimana portino ad un “rapido e incondizionato cessate il fuoco”.

Sulla tensione nell’est dell’Ucraina interviene anche l’alto rappresentate dell’Unione europea per gli Affari esteri Federica Mogherini, “esclusa” dall’incontro a tre che si è tenuto a Mosca tra Merkel, Hollande e Putin. Mogherini si è detta “molto preoccupata delle relazioni dell’Ue con la Russia” e ha aggiunto di non sapere ancora se gli esiti del colloquio sul nuovo piano di pace per l’Ucraina siano positivi. Una posizione peraltro espressa anche dalla cancelliera tedesca all’indomani del vertice.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isis, Cnn: “L’esercito americano valuta l’intervento di terra a Mosul”

next
Articolo Successivo

Ucraina, i giocattoli-bomba non passano mai di moda

next