Il discorso di insediamento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella davanti alle camere riunite a Montecitorio viene accompagnato da 43 applausi. Le standing ovation quando il nuovo capo dello Stato ricorda che il Quirinale sarà “arbitro e garante dei dettami costituzionali”, quando parla della Resistenza e “il sacrificio di tanti che 70 anni fa liberarono l’Italia dal nazifascismo” e soprattutto quando sottolinea l’impegno di magistrati e forze dell’ordine nella lotta contro la criminalità organizzata: “Garantire la Costituzione significa affermare e diffondere un forte senso di legalità, la lotta alla mafia e alla corruzione sono priorità assolute”. Poi l’omaggio a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. L’assemblea si alza in piedi anche quando Mattarella cita il caso dei due fucilieri di Marina, Latorre e Girone, ancora nelle mani delle autorità indiane: “Massimo impegno perché tornino in patria”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quirinale, l’arrivo di Mattarella Camera dei deputati

next
Articolo Successivo

L’omaggio a Napolitano: “Ha accettato l’onere del secondo mandato”

next