Non si può parlare di scissione, ma le tensioni sono forti nel Partito democratico, è questo in sintesi il messaggio degli esponenti della minoranza dem dopo l’incontro alla Camera dei deputati sulle riforme. L’unico a paventare questa ipotesi, invece, è Pierluigi Bersani.”Noi continueremo la nostra battaglia politica, siamo ininfluenti per il premier? Certo siamo stati sostituiti da Forza Italia, la domanda vera è se è cambiata la maggioranza” afferma il senatore dem Vannino Chiti. “Io non voterò né per il partito del nazareno né per il presidente del Nazareno, oggi è tutto capovolto – spiega Pippo Civati che aggiunge – però non parlate di scissione, le tensioni all’interno del partito sono forti, siamo tutti preoccupati, assistiamo alla metamorfosi del Pd, si sta trasformando il progetto politico in cui tutti crediamo, non è una battaglia per le poltrone, ma se il principale partito di centro-sinistra diventa di centrodestra, si prosegue su questa strada, ignorando parte del partito, queste tensione possono portare a percorsi che si dividono” chiosa Civati  di Annalisa Ausilio e Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primarie Pd, non solo Liguria: ecco tutti i casi “sospetti” degli ultimi anni

prev
Articolo Successivo

Italicum, M5s: ‘Scovato pianista di Fi’. Ma sbaglia a votare: il video

next