Inchiodato da un video girato da alcuni senatori del Movimento 5 Stelle in Aula, durante la votazione dell’emendamento Gotor alla legge elettorale. Si tratta del senatore di Forza Italia Francesco Aracri che si è premurato di votare l’emendamento al posto del collega di partito Rosario Filippo Tarquinio, momentaneamente assente. Ma il voto dato da Aracri era contrario alle intenzioni di Tarquinio, che, durante il suo intervento al Senato, così si giustifica: “Vorrei segnalare una svista: nella votazione sul secondo emendamento del senatore Gotor, risulta il mio voto contrario, mentre è favorevole. Sarebbe assurdo se avessimo sbagliato: il voto era favorevole”. A chiarire l’equivoco è il senatore Lello Ciampolillo del M5S che spiega: “Il senatore Tarquinio ha appena dichiarato di aver commesso un errore nella votazione. In realtà, non lo ha commesso: non ha potuto votare né favorevole né contrario, perché in quel momento era assente e il senatore Aracri, che gli siede accanto, coprendo con un giornale la sua postazione di voto, ha votato al posto suo. Questo è il motivo per cui si trova il voto contrario e non favorevole, e chiedo che sia messo agli atti”. “Senatore, lei è meglio di un resoconto stenografico”, commenta il presidente di turno, Roberto Calderoli (Lega) di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, Civati: ‘Assistiamo a metamorfosi del partito con tensioni laceranti’

prev
Articolo Successivo

Italicum, minoranza Pd ancora all’attacco: ‘Non votiamo emendamento Finocchiaro’

next