I due pescherecci italiani Alba chiara e Jonathan, e i loro equipaggi, per complessive 13 persone, sono stati rilasciati dopo essere stati fermati ieri dalle autorità egiziane per aver violato le acque territoriali del Paese nordafricano. Le due imbarcazioni sono già ripartite, lasciando il porto di Alessandria d’Egitto. Non rientreranno in Italia, continueranno la battuta di pesca nel Mediterraneo. La notizia è stata resa nota da Fabio Micalizzi presidente regionale dell’Associazione pescatori marittimi professionali (Apmp), che ha sentito al telefono satellitare il comandante dell’Alba Chiara, Raimondo Sodano. “Resteranno a pescare nel Mediterraneo – dice Micalizzi – per fare fronte alle spese. Gli hanno sequestrato il pesce e il motopesca ha subito danni durante il fermo da parte dei militari egiziani.Per questo – annuncia infine il presidente dell’Apmp – presenteremo un esposto alla Procura di Catania”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Greta e Vanessa, ex dei servizi segreti: “Ostaggi? L’Italia ha sempre pagato”

prev
Articolo Successivo

Avellino, un sindaco: “Extracomunitari indossino catarifrangenti lungo strade”

next