Picture_Saudi_WaleedIl 12 gennaio uno dei più noti difensori dei diritti umani e avvocati sauditi, Waleed Abu al-Khair, si è visto inasprire in appello la condanna inflittagli in primo grado il 6 luglio 2014.

Sei mesi fa, la Corte penale speciale, un tribunale incaricato di affrontare i casi di terrorismo controllato dal ministero dell’Interno e che agisce sulla base di procedure non pubbliche, lo aveva giudicato colpevole di “disobbedienza al regno e tentativo di disconoscerne la legittimità”, “offesa al potere giudiziario e messa in discussione dell’integrità dei giudici”, “costituzione di un’organizzazione priva di autorizzazione”, “minaccia alla reputazione dello stato attraverso comunicazioni a organismi internazionali” e “preparazione, detenzione e diffusione di informazioni atte a minacciare l’ordine pubblico”.

Era stato condannato a 15 anni di carcere, di cui cinque sospesi, a non poter  lasciare il paese per 15 anni e a pagare una multa di 200.000 rial sauditi (circa 45.000 euro).

Una settimana fa, a causa del mancato “pentimento” per i “reati” commessi, la stessa Corte penale speciale ha annullato la sospensione elevando dunque a 15 anni la condanna effettiva.

Quali sono i “reati” di Waleed Abu al-Khair?

Aver fondato, nel 2008, un’organizzazione indipendente denominata Osservatori dei diritti umani in Arabia Saudita; aver criticato, nel 2011, l’arresto di 16 riformisti; non aver riconosciuto la legittimità della Corte penale speciale; aver difeso in tribunale numerose vittime di tortura e di altre violazioni dei diritti umani.

Da ultimo, aver avuto tra i suoi clienti Raif Badawi, il blogger dissidente condannato nel settembre 2014 a 10 anni di carcere e a 1000 frustate per aver “offeso l’Islam”. Dopo la prima sessione di 50 frustate venerdì 9, l’esecuzione della pena corporale è stata provvisoriamente sospesa perché le ferite non si erano cicatrizzate. Ora sul  caso si pronuncerà la Corte suprema.

Waleed Abu al-Khair si trova nella prigione Briman, a Gedda. Nelle settimane successive al suo arresto, nell’aprile 2014, è stato posto in isolamento nella prigione al-Ha’ir nella capitale Riad e sottoposto a tortura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matrimoni gay, Pisapia: “Sono indagato per non aver cancellato le trascrizioni”

next
Articolo Successivo

Convegno anti-gay in Lombardia, davvero ora la famiglia tradizionale è al sicuro?

next