Picture_Saudi_WaleedIl 12 gennaio uno dei più noti difensori dei diritti umani e avvocati sauditi, Waleed Abu al-Khair, si è visto inasprire in appello la condanna inflittagli in primo grado il 6 luglio 2014.

Sei mesi fa, la Corte penale speciale, un tribunale incaricato di affrontare i casi di terrorismo controllato dal ministero dell’Interno e che agisce sulla base di procedure non pubbliche, lo aveva giudicato colpevole di “disobbedienza al regno e tentativo di disconoscerne la legittimità”, “offesa al potere giudiziario e messa in discussione dell’integrità dei giudici”, “costituzione di un’organizzazione priva di autorizzazione”, “minaccia alla reputazione dello stato attraverso comunicazioni a organismi internazionali” e “preparazione, detenzione e diffusione di informazioni atte a minacciare l’ordine pubblico”.

Era stato condannato a 15 anni di carcere, di cui cinque sospesi, a non poter  lasciare il paese per 15 anni e a pagare una multa di 200.000 rial sauditi (circa 45.000 euro).

Una settimana fa, a causa del mancato “pentimento” per i “reati” commessi, la stessa Corte penale speciale ha annullato la sospensione elevando dunque a 15 anni la condanna effettiva.

Quali sono i “reati” di Waleed Abu al-Khair?

Aver fondato, nel 2008, un’organizzazione indipendente denominata Osservatori dei diritti umani in Arabia Saudita; aver criticato, nel 2011, l’arresto di 16 riformisti; non aver riconosciuto la legittimità della Corte penale speciale; aver difeso in tribunale numerose vittime di tortura e di altre violazioni dei diritti umani.

Da ultimo, aver avuto tra i suoi clienti Raif Badawi, il blogger dissidente condannato nel settembre 2014 a 10 anni di carcere e a 1000 frustate per aver “offeso l’Islam”. Dopo la prima sessione di 50 frustate venerdì 9, l’esecuzione della pena corporale è stata provvisoriamente sospesa perché le ferite non si erano cicatrizzate. Ora sul  caso si pronuncerà la Corte suprema.

Waleed Abu al-Khair si trova nella prigione Briman, a Gedda. Nelle settimane successive al suo arresto, nell’aprile 2014, è stato posto in isolamento nella prigione al-Ha’ir nella capitale Riad e sottoposto a tortura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Matrimoni gay, Pisapia: “Sono indagato per non aver cancellato le trascrizioni”

prev
Articolo Successivo

Convegno anti-gay in Lombardia, davvero ora la famiglia tradizionale è al sicuro?

next