Prato, via Maroncelli, cuore della chinatown. Il circolo “L’amicizia” a tarda sera chiude i battenti e si trasforma in una bisca clandestina gestita da cinesi. Ieri sera il copione si ripete, come tutte le sere. Ma c’è un fuoriprogramma. Cinque rapinatori entrano: passamontagna e cappellini calati sul volto; fucile da caccia, calibro 7,65 con colpo in canna e scacciacani in mano. Legano con fascette di plastica 21 clienti, tutti cinesi che vengono immobilizzarti mentre si trovano ancora al tavolo da gioco. Li lasciano così e portano via diecimila euro in contanti, cellulari, oggetti in oro e argento. Poi svaniscono.

Per poco però. Perché la polizia segue le tracce del commando da un po’ di tempo. Dal 23 agosto scorso: quando venne messa a segno una rapina simile in via Fabio Filzi, sempre nella chinatown di Prato. Ma quella volta ad essere presa di mira fu la sala scommesse Video 2000 Group. Questa notte è arrivata la svolta: i componenti della banda sono finiti in manette. Si tratta di cinque albanesi di età compresa tra i 25 ed i 35 anni, tutti residenti tra Prato e Firenze. Tre di loro hanno precedenti specifici e sono già facce conosciute in questura.

La polizia ha sequestrato le armi usate durante la rapina, munizioni, soldi, cellulari, gli oggetti in oro e argento rubati nel blitz. Ma durante l’arresto sono state trovate anche fascette da elettricista identiche a quelle con cui sono stati legati i 21 cinesi sequestrati nella bisca. Gli investigatori, coordinati dal procuratore Antonio Sangermano, sospettano però che i clienti nel circolo fossero molti di più e siano riusciti a fuggire prima dell’arrivo della polizia. Le 21 vittime saranno comunque, con separati atti, denunciati per reati di gioco d’azzardo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Treviso, inseguimento dopo un colpo al bancomat: due banditi morti in incidente

next
Articolo Successivo

Rimini, gay denuncia il suo titolare: lo aveva costretto a far sesso con prostituta

next