Per tutti coloro che vogliono male al Pd, ieri è stata una giornata straordinaria. Alle primarie liguri, la delfina di Burlando, l’assatanata Lella Paita, ha sconfitto l’aspirante podestà Cofferati ricorrendo ai soliti trucchi: mancava solo che votassero i morti, ma forse se li sono tenuti da parte per le regionali di maggio. Il perdente farà ricorso, e questo servirà solo a spaccare ulteriormente il partito. Pensionato Burlando, che almeno si è confermato un professionista del potere, il partito e la Regione cadono nelle mani di una figura apparentemente nuova, ma che sarebbe piaciuta a Balzac: l’arrampicatrice politica. E che dire di un apparato dem che, di fronte ai cinesi mobilitati a La Spezia, ha avuto pure la faccia di rivendicare al Pd la qualifica di partito dell’integrazione?

Voi siete contenti? Io no. Io non riesco a festeggiare la spaccatura del Pd nei suoi territori tradizionali, in Liguria come in Emilia, e l’arrivo al potere di una generazione di rampanti interessati solo agli affari e alle poltrone. Non riesco a festeggiare neppure la sconfitta di Cofferati, anche se fa chiarezza. Proprio non riesco a rassegnarmi all’idea che la sinistra, o quanto ne resta, commetta sempre gli stessi errori. La sottovalutazione e la demonizzazione dell’avversario, che finisce regolarmente per favorirlo. L’astensionismo moralistico, che aiuta solo i politicanti di professione. La mobilitazione di un “popolo di sinistra”, o addirittura di “centrosinistra”, che ormai non ne può più. E non parliamo, per carità di patria, del vuoto pneumatico di idee.

In vita mia ho visto la Dc e il Pci, il craxismo e il berlusconismo, e sempre qualcuno si chiedeva se avevamo toccato il fondo. Naturalmente no. Eppure, è proprio quando si è con le spalle al muro, come siamo in Liguria dopo le alluvioni e le primarie, che si ritrova una forza che neppure si sospettava di avere, e magari si riscopre la propria anima, beninteso se uno ce l’ha. Adesso non ci sono alternative: si può solo metter su un comitato di liberazione, ma chiamatelo pure come volete, che si rivolga direttamente ai cittadini, parlando dei servizi pubblici che non funzionano più e presentando ai politicanti il conto del disastro. I Cinque Stelle cosa ne pensano? Oppure stanno ancora festeggiando a champagne, preparandosi a perdere l’ennesimo treno?

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primarie in Liguria: rivince il burlandismo. Grillo che dice?

next
Articolo Successivo

Semestre Ue, discorso chiusura Renzi: “Europa di vincoli e austerità è errore”

next