“Ho un tumore al polmone, ma non ho intenzione di interrompere la mia attività politica”. Emma Bonino, ex ministro degli Esteri, nel corso di un intervento su Radio Radicale ha rivelato di essere affetta dalla grave malattia. “E’ una forma localizzata e ancora asintomatica, ma richiederà un trattamento lungo e complesso di chemioterapia che è già stato iniziato e che durerà almeno 6 mesi”.

Una notizia arrivata a sorpresa proprio nel momento in cui il nome di Emma Bonino era circolato tra i tanti possibili candidati per il Quirinale, viste le imminenti dimissioni di Giorgio Napolitano. Bonino, però, ha aggiunto di non voler abbandonare la politica: “Non sono intenzionata a interrompere le mie attività”, ha aggiunto, “perché da una passione politica non ci si dimette, non ci si può dimettere. Però è chiaro che le mie attività dovranno essere organizzate in base alle esigenze mediche a cui è necessario dare in questo momento una priorità assoluta. E’ una cosa non facile anche per me”.

L’ex ministro degli Esteri, poi, si è rivolto ai cittadini, invitandoli a non perdere di vista i loro ideali: “Spero che il vostro affetto e il vostro incoraggiamento si trasformi in iscrizioni ai radicali, e al Partito radicale. Possono essere simpatici o meno, non li avete mai apprezzati moltissimo, ma forse è arrivato il momento di dirvi che le battaglie che portiamo avanti magari oggi sembrano marginali, ma invece sono fondamentali per la vita di tutti, per la democrazia, in particolare in questo momento così difficile per il mondo”.

Messaggi di solidarietà sono arrivati all’ex ministro da molti esponenti politici e personaggi pubblici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sondaggio: Renzi, -4 punti in 7 giorni. Dimissioni Napolitano, 86% favorevole

prev
Articolo Successivo

Quirinal Party – Tutti in fila verso l’Eliseo

next