“Ho un tumore al polmone, ma non ho intenzione di interrompere la mia attività politica”. Emma Bonino, ex ministro degli Esteri, nel corso di un intervento su Radio Radicale ha rivelato di essere affetta dalla grave malattia. “E’ una forma localizzata e ancora asintomatica, ma richiederà un trattamento lungo e complesso di chemioterapia che è già stato iniziato e che durerà almeno 6 mesi”.

Una notizia arrivata a sorpresa proprio nel momento in cui il nome di Emma Bonino era circolato tra i tanti possibili candidati per il Quirinale, viste le imminenti dimissioni di Giorgio Napolitano. Bonino, però, ha aggiunto di non voler abbandonare la politica: “Non sono intenzionata a interrompere le mie attività”, ha aggiunto, “perché da una passione politica non ci si dimette, non ci si può dimettere. Però è chiaro che le mie attività dovranno essere organizzate in base alle esigenze mediche a cui è necessario dare in questo momento una priorità assoluta. E’ una cosa non facile anche per me”.

L’ex ministro degli Esteri, poi, si è rivolto ai cittadini, invitandoli a non perdere di vista i loro ideali: “Spero che il vostro affetto e il vostro incoraggiamento si trasformi in iscrizioni ai radicali, e al Partito radicale. Possono essere simpatici o meno, non li avete mai apprezzati moltissimo, ma forse è arrivato il momento di dirvi che le battaglie che portiamo avanti magari oggi sembrano marginali, ma invece sono fondamentali per la vita di tutti, per la democrazia, in particolare in questo momento così difficile per il mondo”.

Messaggi di solidarietà sono arrivati all’ex ministro da molti esponenti politici e personaggi pubblici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggio: Renzi, -4 punti in 7 giorni. Dimissioni Napolitano, 86% favorevole

next
Articolo Successivo

Quirinal Party – Tutti in fila verso l’Eliseo

next