Meno quattro punti percentuali in una settimana. E da settembre il calo è complessivamente di 13 punti. Dal sondaggio Ixè per Agorà (Rai3) emerge il crollo della fiducia degli italiani nei confronti del presidente del Consiglio Matteo Renzi e del suo governo, che in soli sette giorni passa dal 37 al 33 percento, ma sono dieci i punti persi rispetto a novembre. Il premier, inoltre, perde due punti attestandosi al 37%. Tuttavia, rispetto allo scorso settembre, quando la fiducia degli italiani in Renzi era al 50%, il calo è di 13 punti.

Dal sondaggio emerge poi che l’86 per cento degli italiani è convinto che Giorgio Napolitano – le cui dimissioni saranno formalizzate a metà gennaio – faccia bene a lasciare il Quirinale prima della conclusione del suo mandato. E che il 72 per cento degli elettori 5 Stelle è convinto che il Movimento debba cercare un nome condiviso per il suo successore. Il presidente della Repubblica, tuttavia, rimane ancora in testa nella “classifica” delle figure politiche più apprezzate e con il 39 per cento supera Renzi.

Ecco il confronto tra l’attuale fiducia nell’esecutivo e quella rilevata negli ultimi mesi del 2014:

12 gennaio – 33%
19 dicembre – 37%
12 dicembre – 38%
5 dicembre – 38%
28 novembre – 39%
21 novembre – 41%
14 novembre – 43%
7 novembre – 43%.

Resta stabile al 27 percento il leader del Carroccio Matteo Salvini (+7 rispetto a settembre), mentre calano di un punto Beppe Grillo (che perde sei punti in quattro mesi) e Silvio Berlusconi, entrambi al 14%. Un punto in meno anche per Angelino Alfano, al 12%.

Intenzioni di voto – Pur registrando un lieve calo (-0,3%), con il 37,2 percento il Pd resta primo partito. Segue il Movimento 5 Stelle, che guadagna lo 0,2 percento e si attesta al 18,7 percento. Perde invece oltre mezzo punto Forza Italia (-0,6%), che scivola al 13,3 percento, mentre ne guadagna quasi uno (+0,9%) la Lega Nord, che raggiunge il 13 percento. Da rilevare che se si votasse oggi soltanto la metà degli italiani (50,7%) si recherebbe alle urne: un calo dell’affluenza significativo rispetto al 19 dicembre scorso (58,8%).

Questo il quadro complessivo delle intenzioni di voto (tra parentesi la differenza percentuale rispetto alla precedente rilevazione):
Pd 37,2% (-0,3)
M5S 18,7% (+0,2)
Forza Italia 13,3% (-0,6)
Lega Nord 13,0% (+0,9)
Sel 3,7% (-0,1)
Fdi-An 2,6% (+0,4)
Ncd 2,3% (+0,2)
Prc 1,7% (-0,3)
Udc 1,3% (-0,4)
Verdi 1,0% (+0,1)
Scelta civica 0,2% (-0,1)

La rilevazione è stata effettuata da Ixè per Agorà-Rai3 il 7/1/2015 tramite sondaggio CATI-CAMI su un campione casuale probabilistico stratificato di mille soggetti maggiorenni (su 6.821 contatti complessivi), di età superiore ai 18 anni. Tutti i parametri sono uniformati ai più recenti dati forniti dall’ISTAT. I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentatività rispetto ai parametri di sesso, età e macro area di residenza. Margine d’errore massimo: +/- 3,1%. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quirinale, le primarie online del Fatto Quotidiano: oltre 41mila voti

next
Articolo Successivo

Emma Bonino: “Ho un tumore, ma non interromperò la mia attività politica”

next