Dal faccia a faccia tra Beppe Grillo e Matteo Renzi, alla nomina del direttorio, passando per una catena di espulsioni, fuoriuscite più o meno volontarie e contestazioni. Sullo sfondo la campagna per il referendum sull’Euro, l’ascesa della figura del sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, e una battaglia politica, a tratti durissima, contro il Pd. Il 2014 è stato un anno di luci e ombre per il Movimento 5 Stelle, che dopo il boom elettorale del 2013, ha dovuto non solo prendere confidenza con la vita parlamentare e affrontare il voto europeo, ma anche riuscire a gestire una serie di problemi di organizzazione interna e rivoluzioni che hanno cambiato per sempre il volto del Movimento. L’ultima grande novità Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio l’hanno riservata per la vigilia di Natale, con la pubblicazione del nuovo regolamento e la formazione di un comitato d’appello contro le espulsioni  di Giulia Zaccariello, montaggio di Paolo Dimalio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5s, dal direttorio al voto per il Colle: nel 2015 la svolta del leader “stanchino”?

prev
Articolo Successivo

Quirinale, chi vorresti dopo Napolitano? Guarda il vox e rispondi al sondaggio

next