Una bambina di 11 anni è morta, a Pregasina, località vicino a Riva del Garda, in provincia di Trento, a causa delle ferite causate da un colpo d’arma da fuoco. Da una prima ricostruzione dei Carabinieri, intervenuti insieme ai Vigili del Fuoco, la bambina avrebbe trovato la pistola d’ordinanza del padre, un agente di polizia, incustodita in casa e, maneggiandola, avrebbe sparato accidentalmente il colpo che l’ha uccisa.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Blu Sky M, arrestati quattro scafisti. Traditi dai selfie e dalla chat

next
Articolo Successivo

Roma, 4 vigili su 5 malati a Capodanno. Cgil: “Ingiustificabili”. La Uil li difende

next