Una bambina di 11 anni è morta, a Pregasina, località vicino a Riva del Garda, in provincia di Trento, a causa delle ferite causate da un colpo d’arma da fuoco. Da una prima ricostruzione dei Carabinieri, intervenuti insieme ai Vigili del Fuoco, la bambina avrebbe trovato la pistola d’ordinanza del padre, un agente di polizia, incustodita in casa e, maneggiandola, avrebbe sparato accidentalmente il colpo che l’ha uccisa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Blu Sky M, arrestati quattro scafisti. Traditi dai selfie e dalla chat

prev
Articolo Successivo

Roma, 4 vigili su 5 malati a Capodanno. Cgil: “Ingiustificabili”. La Uil li difende

next