Gentilissimo Sindaco di Padova, Massimo Bitonci,

Sono il Dott. Luca Faccio da Bassano del Grappa –Vicenza.

Mi occupo di tematiche Socio – Politiche con particolare attenzione alla disabilità.

Sono rimasto senza parole dopo aver appreso da Padova oggi che attraverso i Vigili Urbani si sia scelto di sanzionare un clochard  che dormiva per terra con una multa di 100 euro, visto che la persona in questione ha perso il lavoro.

Le chiedo, ma se la persona non ha un lavoro  e dorme per strada come fa a pagare?

Personalmente credo che tutti noi dobbiamo renderci conto che dobbiamo aprirci all’accoglienza verso persone di qualsiasi nazionalità, livello sociale ecc., perché ogni essere umano ha delle ricchezze interiori e culturali da condividere, non crede?

Ritengo che la criminalità e i reati vadano fermati e puniti; ma credo servano una serie di leggi più incisive che colpisco le organizzazioni che lucrano sulle persone che vivono già delle realtà difficili.

Auspico che lei faccia annullare tale multa e magari veda di trovare un’alternativa per questa persona.

In attesa di una sua risposta scritta che verrà pubblicata nel mio Blog  la ringrazio anticipatamente.

Cordiali saluti,
Dott. Luca Faccio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

2015: pane al pane e vino al vino

prev
Articolo Successivo

2015: 18 buoni propositi per l’anno nuovo

next