Come ogni 31 dicembre, è arrivato il momento dei buoni propositi per il prossimo anno. Vuoi per tradizione, vuoi che gli articoli/elenco del tipo “le dieci cose che…” sono di gran moda, fatto sta che anch’io ho voluto cimentarmi nella più classica delle Top Ten.

jobs_act_640

Ne volevo compilare una specifica per i free-lance, la categoria di lavoratori alla quale appartengo. Siccome però, non sono riuscito a superare il numero di cinque buoni propositi, ho finito per formulare un ulteriore proposito che li riassume tutti. In ogni caso, a beneficio dei colleghi che non riusciranno a portare a compimento il sesto e definitivo buon proposito per l’anno nuovo, elenco di seguito anche gli altri cinque:

 1 – Continuate a lavorare

E’ un auspicio che a prima vista potrebbe sembrare scontato, ma non lo è. Se da un lato – malgrado le nuove regole in materia di licenziamenti – presumo che i lavoratori autonomi continueranno a resistere alla tentazione di licenziare se stessi, è anche vero che molti di loro, quando in questi giorni si sono trovati a fare i conti di fine anno (per lo più sottrazioni), un pensierino sull’auto-defenestrazione lo hanno fatto.

2 – Continuate a mangiare

Con tutto il rispetto per il povero Steve Jobs, il suo motto “Stay hungry, stay foolish” – restate affamati, restate folli – potrà forse funzionare su una spiaggia di Malibu, all’ombra dell’ombrellino d’un Margarita, ma dalle nostre parti è tanto rassicurante quanto lo può essere un “stai sereno” di Renzi, che a sua volta è meno augurabile d’un invito al cenone di Capodanno da parte di Hannibal Lecter. Bisogna riconoscere che gli incentivi statali recentemente introdotti, sembrano concentrarsi proprio sulle diete dimagranti post-veglione di noi free-lance. Tuttavia, ritengo che anche per il 2015, la strategia vincente resti – per quanto possibile – quella della sazietà.

3 – Fatevi pagare

Altro proposito ovvio solo in apparenza, e che va sempre tenuto presente. Non solo perché è l’unico modo onesto per onorare il proposito numero 2, ma anche perché cedere al ricatto di lavorare gratis – in cambio di visibilità, esperienza formativa, future opportunità o balle simili – creerà un precedente che vi porterà a lavorare gratis in eterno e, peggio ancora, farà sì che i vostri colleghi troveranno sempre più difficile farsi pagare per quel servizio che voi fornite a titolo gratuito, o a condizioni inadeguate.

 4 – Guadagnate più di 15.000 euro lordi all’anno

Se siete d’accordo sui primi tre propositi, non potrete fare a meno di osservare anche questo. Per quanto i redattori del Jobs Act ritengano che un libero professionista che non superi i 15.000 euro lordi di fatturato annuale, sia comunque in grado di pagare il 15 per cento di tasse e il 33 per cento di contributi previdenziali, vi posso assicurare – per esperienza personale – che con quella cifra vi sarà persino difficile ottemperare all’irrinunciabile proposito numero 2. Senza contare il rischio che, prima o dopo, salti anche il numero 1. È pur vero che il nostro Premier ha preannunciato un ripensamento a tal proposito, tuttavia, il mio consiglio per la mezzanotte è quello di non sciabolare la bottiglia di champagne. Nell’anno che verrà, potrebbe rivelarsi un ottimo articolo da mettere su eBay.

 5 – Smettete di farvi definire, o di auto-definirvi una “partita Iva”

Questa è una mera questione di dignità. Di recente, soprattutto durante quella breve finestra di tempo – già chiusa – in cui si è parlato delle problematiche relative all’accanimento tributario della riforma sul lavoro nei confronti dei lavoratori autonomi, qualcuno ha cominciato a definire questa categoria con l’espressione “le partite Iva”, o “popolo delle partite Iva”. Ho scritto quest’ultimo proposito, poiché ritengo poco edificante assimilare degli esseri umani a un codice numerico, ma è proprio grazie a questa riflessione che ho elaborato il buon proposito definitivo di cui accennavo all’inizio. D’altro canto la soluzione era a portata di mano, all’interno dell’espressione stessa “partite Iva”. Basta cancellare la famigerata Iva, e ciò che resta è un chiaro invito a emigrare.

6 – Partite!

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Livorno, vuole chiudere anche il call center People Care, rischiano in 450

next
Articolo Successivo

Jobs Act, Unipol anticipa la riforma del lavoro e vara il “contratto di stabilità”

next