alfaromeo

di Carblogger.it

Alfa Romeo 2015 il ritorno, che ritorno sarà? Almeno negli Stati Uniti “il tempo delle chiacchiere è finito”, ha detto al Salone di Los Angeles in novembre il capo di Alfa Romeo e Maserati Harald Wester, parole che ripeterà in gennaio al prossimo Salone di Detroit. Dove, per l’occasione, dovrebbe presentare un concept del marchio del biscione. Nell’attesa, Wester insieme a Reid Bigland, capo di Alfa Romeo in Nordamerica, hanno dato notizia che il ritorno annunciato da una decina d’anni nella terra de “Il laureato” è cominciato con lo sbarco via nave di ben 54 Alfa Romeo 4C. Da dividere per 82 dealer di auto italiane dai quali ci sarà inevitabilmente una fila di consumatori con poche speranze di comprarla.

Sono una testa di ponte delle 150.000 Alfa Romeo che Marchionne intende vendere nel 2018 in America, parte preponderante dell’obiettivo di 400.000 nel mondo sempre entro quella data. Dopo avere messo sul piatto 6,5 miliardi di dollari di investimenti per sviluppare 8 nuovi modelli e dimenticarsi le 74.000 vendite Alfa del 2013.

Wester ha precisato che in giugno vedremo la prima Alfa Romeo del nuovo corso, con produzione a fine 2015, sul mercato nel 2016. E’ l’attesa Giulia, come da anni Marchionne e Wester dibattono all’interno fra presunte bocciature di stile e discussioni sui soldi necessari? Secondo Automotive News Europe, sarà sì una berlina di medie dimensioni, «tra una Bmw serie 3 e una serie 5» con nuovi motori molto interessantima non si chiamerà più Giulia. Peccato, per gli amanti della storia del marchio.

I quali, fra tutti questi buoni segnali,  spero non abbiano messo gli occhi su un report agli investitori del 10 novembre scorso di Morgan Stanley. La banca d’affari americana, pure piuttosto fiduciosa sul futuro di FCA, è stata negativa su Alfa Romeo. Un giudizio basato sui volumi eccessivamente bassi del marchio, circa 80.000 unità vendute a fine 2014 («meno del 4% del gruppo Bmw, Bmw+Mini») e sulla certezza che Alfa continuerà a perdere soldi, «l’unico problema è quanto». Per il 2015, stimano questi analisti, almeno 150 milioni di euro («ma potrebbero essere maggiori, fra i 200 e i 250 milioni»).

La chiosa di Morgan Stanley è quasi un suggerimento a Marchionne: se Alfa Romeo fosse ceduta a «una terza parte», FCA ne guadagnerebbe. In valore («1 miliardo»), oltre a permettere di «concentrare gli sforzi strategici del gruppo per andare avanti». Non ditelo a Ferdinand Piech, patron del gruppo Volkswagen fissato con l’Alfa. Che però ha una montagna di problemi a casa sua.

@carblogger_it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renault: la Twingo non si vende

prev
Articolo Successivo

Tesla, auto elettriche cariche in 90 secondi

next