Michel du Cille, un fotoreporter del Washington Post, è morto in Liberia, dove stava lavorando a un reportage sull’epidemia di ebola. Il 58enne, vincitore di tre premi Pulitzer, è collassato ieri mentre stava tornando a piedi da un villaggio. Il giornalista, ha riferito il suo giornale, è stato dichiarato morto per un attacco cardiaco mentre lo stavano portando in ospedale. Il direttore del Washington Post, Martin Baron, ha inviato una nota al personale del quotidiano descrivendo du Cille come “un collega amato e uno dei fotografi più esperti nel mondo”. Du Cille ha vinto due premi Pulitzer come fotografo del Miami Herald negli anni ’80 e il terzo come reporter della testata di Washington.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sloviansk e le macerie dell’anima ucraina: tra devastazione e sospetti

prev
Articolo Successivo

Cina, “dal 2015 stop ai trapianti di organi provenienti dai condannati a morte”

next