Michel du Cille, un fotoreporter del Washington Post, è morto in Liberia, dove stava lavorando a un reportage sull’epidemia di ebola. Il 58enne, vincitore di tre premi Pulitzer, è collassato ieri mentre stava tornando a piedi da un villaggio. Il giornalista, ha riferito il suo giornale, è stato dichiarato morto per un attacco cardiaco mentre lo stavano portando in ospedale. Il direttore del Washington Post, Martin Baron, ha inviato una nota al personale del quotidiano descrivendo du Cille come “un collega amato e uno dei fotografi più esperti nel mondo”. Du Cille ha vinto due premi Pulitzer come fotografo del Miami Herald negli anni ’80 e il terzo come reporter della testata di Washington.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sloviansk e le macerie dell’anima ucraina: tra devastazione e sospetti

next
Articolo Successivo

Cina, “dal 2015 stop ai trapianti di organi provenienti dai condannati a morte”

next