Sergio Marchionne, dopo la decisione di separare Ferrari da Fiat Chrysler Automobiles e quotarla in Borsa negli Stati Uniti, ora le carica sul groppone un po’ di debito. Per finanziare il maxi dividendo da 2,25 miliardi di euro che la casa di Maranello dovrà versare prima della separazione al gruppo presieduto da John Elkann, infatti, Ferrari non farà solo ricorso alla propria ricca cassa, (oltre 1,5 miliardi di euro) ma si assicurerà liquidità aggiuntiva lanciando un prestito obbligazionario. A prevederlo, riporta Repubblica, è un documento inviato alla Sec, l’ente americano che vigila sui mercati finanziari e sulle società quotate, in cui si legge che Ferrari “emetterà debito nei confronti di terzi”.

Immediata la levata di scudi della Fiom di Modena, che chiede di “non utilizzare un’azienda solida come Ferrari Auto come bancomat di Fca”. Secondo il segretario dei meccanici modenesi della Cgil, Simone Selmi, lo scorporo delle Rosse dal resto del gruppo “ha due scopi: distribuire dividendi agli azionisti di Fca (il primo come è noto è la Exor della famiglia Agnelli, ndr) e ridurre il debito conseguente alla fusione di Fiat con Chrysler, indebitando però l’unica azienda finanziariamente solida del gruppo, ovvero Ferrari Auto”. In più, secondo la Fiom, separare Maranello da Fca “non è utile a rilanciare gli investimenti, né a sostenere i livelli occupazionali negli stabilimenti di Fca in Italia, dove per la maggior parte è ancora alto il ricorso agli ammortizzatori sociali”.

Parole, quelle di Selmi, simili nella sostanza alle critiche del patron di Tod’s, Diego Della Valle, secondo il quale la quotazione in Borsa di Ferrari servirà “per salvare il grande bidone che è Fiat”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Derivati, a giudizio per truffa a Trani Bazoli, Passera e Gorno Tempini

prev
Articolo Successivo

Procedimento sanzionatorio Consob, Tar del Lazio contesta Consiglio di Stato

next