Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac) e Maurizio D’Errico, presidente del Consiglio Nazionale del Notariato, hanno siglato a Roma il protocollo d’intesa per avviare un tavolo tecnico in tema di prevenzione e contrasto della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione. Tre gli obiettivi fondamentali: instaurare un sistema di integrazione dei flussi e scambio dei dati per verificare la coerenza tra le informazioni raccolte dall’Anac per il monitoraggio dei contratti pubblici e quelle acquisite dai notai in sede di stipula dei contratti; avviare attività di formazione gratuite per le stazioni appaltanti e fornire un supporto metodologico nella fase di definizione dei contratti pubblici; collaborare, anche nella prospettiva di recepimento delle nuove direttive comunitarie in materia di appalti, nelle misure volte a rafforzare i presidi di legalità nelle procedure relative ai contratti pubblici.

Nella rilevazione del 2013 di Transparency International, l’Italia ha registrato un indice di corruzione percepita pari a 43 (rispetto al valore 100 di massima trasparenza): l’Italia si colloca su posizioni analoghe a quelle di numerosi paesi dell’Asia e dell’America Latina. Dal 2006 al 2011 – dati Anac – il fenomeno della corruzione in Italia si rivela sostanzialmente stabile, ad eccezione che nel 2009 in cui il numero dei reati di corruzione (nella sua accezione aggregata) passa da 975 a 1205. Dall’analisi delle condanne per concussione e corruzione passate in giudicato il numero dei condannati per corruzione diminuisce notevolmente dal 2007 al 2011 (si passa da 749 a 458), il numero dei condannati per concussione si triplica, passando da 134 a 344. Le inchieste giudiziarie che hanno portato a una significativa emersione della criminalità corruttiva nel 2011 hanno interessato soprattutto, in ordine decrescente, la Liguria, la Puglia e l’Abruzzo, per la concussione e il Lazio, la Campania, la Calabria e la Lombardia, per la corruzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Meridiana, dopo cambio al vertice l’Aga Khan pensa alla vendita della compagnia

prev
Articolo Successivo

Banca d’Italia mette paletti a stipendi banchieri. “Bonus non più alti del fisso”

next