Un dialogo intenso, un confronto aperto, a tratti acceso, con l’ex magistrato Gherardo Colombo. In 130 cinema italiani, 24mila studenti hanno potuto assistere e interagire con il pm di Mani Pulite che, con la sua associazione Sulleregole, ha organizzato l’iniziativa. L’evento principale si è svolto al Piccolo Teatro Studio Melato di Milano, dove Colombo, spalleggiato dal comico Claudio Bisio, ha affrontato il tema della giornata, “Libertà, regole e trasgressioni”. Oltre ai ragazzi presenti in sala, l’ex pm ha dialogato anche con quelli collegati dai vari cinema italiani, da dove potevano comunicare via social network. Tra i temi di attualità legati al rispetto delle regole, spicca la sentenza del processo per la morte di Stefano Cucchi. A questo proposito, gli studenti parlano di “un abuso di potere che deve essere punito”, ma hanno ancora fiducia nel sistema della giustizia, che “non deve essere abbattuto ma migliorato”. E c’è chi si spinge oltre: “Se le istituzioni trasgrediscono le regole, dimostriamo loro che noi le rispettiamo e che ci facciamo valere”  di Stefano De Agostini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Latina, raccolta fondi per il canile allagato dalle piogge torrenziali

prev
Articolo Successivo

Moncalieri, dà fuoco alla casa e muore: sei feriti. Tra loro anche due minori

next