Roma 2015, apre all’Eur la prima zona riservata alla prostituzione. Altre città si preparano a tentare l’esperimento. Parlano le prostitute, i clienti e gli abitanti. Un modo per controllare il fenomeno o per allontanare il degrado dagli occhi della gente? E voi cosa ne pensate?

Olio e vino, l’Italia resta a secco
Due prodotti che fanno grande la nostra cucina e che tutto il mondo conosce. Ma ecco che un parassita rischia di azzerare la produzione di olive in molte regioni, facendo schizzare i prezzi. E il maltempo mette in pericolo un’annata di vino

“Così sono diventato Zerocalcare
L’unico fumettista da 200mila copie racconta la sua vita e i suoi libri

Sfidare Messina Denaro a colpi di radio
A Trapani e Marsala la mafia si combatte anche via etere. La storia di Giacomo, cronista contro

Vietnam, il rap contro il regime

Le rubriche
Vivario di Maurizio Maggiani
Tam Tam di Marina Valcarenghi
Vox Populi di Alessandro Ferrucci
Le buone pratiche di Domenico Finiguerra
Il museo degli oggetti dimenticati di Anna Peiretti

Il nostro sondaggio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il cambiamento e l’arte di saper andare via

prev
Articolo Successivo

lezioni di Sport/4 – Immersioni: Enzo Maiorca: “Mi buttai in mare, fu come toccare la seta”

next