Da tre anni, la domenica pomeriggio, un centinaio di persone entrano nel cortile di via Mercanti 3, a Torino, e restano col naso all’insù per un’ora. Perché su un balcone di questa casa di ringhiera, nel centro città, Maksim Cristan e Daria Spada offrono a tutti un po’ del loro “punk lirico” in uno spettacolo spontaneo e gratuito chiamato “Concertino dal balconcino”. Da alcuni mesi però il loro show, a cui ogni volta partecipano artisti diversi, è in pericolo per una “bega condominiale”.

Tutto è cominciato per fare un omaggio ai nuovi vicini. Lo scrittore croato Maksim, dopo un periodo da bohèmien a Milano e il trasferimento a Berlino, nel 2011 conosce Daria, diplomata in canto lirico al conservatorio, e insieme si trasferiscono a Torino. “Non conoscevamo nessuno – ricorda Maksim – e abbiamo fatto come impone la saggezza balcanica: ‘Offri qualcosa’. Ma cosa? La musica”. “La prima volta sul balcone nessuno ha detto niente, anzi qualcuno si è complimentato mentre qualche passante è entrato nel cortile ad ascoltare”, racconta Daria.

Da allora la domenica in via Mercanti 3 è un must: “Se siamo impegnati in altri spettacoli non lo facciamo – spiega la cantante – ma è diventato talmente figo che cerchiamo di non organizzare altri eventi la domenica”. L’appuntamento è alle 16 (alle 17 in primavera ed estate) davanti al portone. Nascosti nell’appartamento due giovani attori, Davide Simonetti e Daniele Vico, recitano una breve piece per “Radiocitofono” e al termine il pubblico può entrare. Sul balcone Maksim, con una chitarra classica “silent” collegata a un piccolo amplificatore, Daria alla voce e Valentino Pizzi alla batteria, suonano alcuni loro brani. Poi, da quel palco altissimo e stretto, si alternano poeti, attori, musicisti e cantanti.

Da lì sono passati, tra i tanti, l’attrice teatrale Laura Curino, il cantautore Federico Sirianni e il poeta Guido Catalano (anche blogger de ilfattoquotidiano.it). Il 2 novembre all 16 tra gli ospiti ci saranno i Kara Gunes, una delle band della rivolta di Gezi Park a Istanbul.

Ogni weekend arrivano un centinaio di spettatori e la cosa ha creato qualche grattacapo. L’amministratore condominiale si è messo di mezzo sottolineando i problemi di sicurezza per il possibile ingresso di malintenzionati, poi è passato alle denunce: “Ci ha denunciato per disturbo della quiete pubblica senza neanche avere il mandato degli altri inquilini – dice Maksim – Eppure noi suoniamo un’ora al pomeriggio solo la domenica e a molti altri residenti piace”. Roberta Procicchiani, che abita di fronte qualche piano più su, conferma: “A me non dà fastidio, anzi ravviva un cortile abbastanza disastrato. Mi ha sbalordito ciò che ha fatto l’amministratore”. Un abitante del palazzo vicino, Pierlorenzo Guglieri, viene spesso a sentire il concertino: “La prima volta sono passato davanti, c’era il portone aperto, sono entrato e sono rimasto colpito dalla voce di Daria”. C’è chi poi arriva da altri quartieri, come Cristina Monti: “Non vedo perché la discoteca sotto casa mia possa fare casino tutta la notte senza aver sanzioni, mentre qui uno spettacolo così debba essere ostacolato”.

Intorno a Maksim e Daria si è creato un movimento di solidarietà spontaneo come i loro spettacoli. Un’avvocatessa, Barbara Passanisi, ha offerto l’assistenza legale contro la denuncia e un architetto, Francesco Adorno, con una perizia e un’impalcatura, ha fatto sì che il Comune sospendesse l’ordinanza di messa in sicurezza della struttura. “Non vogliamo sottostare ai ricatti, quindi piuttosto butteremo giù il balconcino – dice Maksim con il suo spirito balcanico – Per la città questo condominio teatrale è un’occasione per alzare o confermare il suo livello culturale. Cantare dal balconcino non è reato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, senegalese difende turista da rapinatori. La folla lo minaccia di morte

prev
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, Pignatone: “Inaccettabile morte di chi è affidato allo Stato”

next