Centinaia di valige bloccate a terra a causa di rallentamenti che si stanno verificando da stamani all’aeroporto di Fiumicino nella lavorazione dei bagagli in transito di Alitalia. A causare il disagio è un’agitazione improvvisa degli addetti Alitalia al Net, il sistema automatizzato di smistamento bagagli, per “solidarietà” verso alcuni colleghi che, entrati in aeroporto per iniziare il turno di lavoro, hanno trovato il proprio profilo aziendale bloccato, non potendo così svolgere il servizio operativo. Di conseguenza, la lavorazione dei bagagli al Net è rimasta pressoché bloccata e i bagagli, direttamente dagli aerei, vengono trasferiti in una tensostruttura in attesa di poter essere riavviati a destinazione. Da parte sua – si apprende da fonti aeroportuali – Aeroporti di Roma, che si è attivata subito sin dalle prime ore del mattino, è pronta ad intervenire, come la scorsa estate, con una task force di alcune decine di addetti ma, al momento, rimane in attesa di una richiesta operativa da parte di Alitalia

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, suonano gratis per tutti i condomini. L’amministratore li denuncia

next
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, Pignatone: “Inaccettabile morte di chi è affidato allo Stato”

next