Centinaia di valige bloccate a terra a causa di rallentamenti che si stanno verificando da stamani all’aeroporto di Fiumicino nella lavorazione dei bagagli in transito di Alitalia. A causare il disagio è un’agitazione improvvisa degli addetti Alitalia al Net, il sistema automatizzato di smistamento bagagli, per “solidarietà” verso alcuni colleghi che, entrati in aeroporto per iniziare il turno di lavoro, hanno trovato il proprio profilo aziendale bloccato, non potendo così svolgere il servizio operativo. Di conseguenza, la lavorazione dei bagagli al Net è rimasta pressoché bloccata e i bagagli, direttamente dagli aerei, vengono trasferiti in una tensostruttura in attesa di poter essere riavviati a destinazione. Da parte sua – si apprende da fonti aeroportuali – Aeroporti di Roma, che si è attivata subito sin dalle prime ore del mattino, è pronta ad intervenire, come la scorsa estate, con una task force di alcune decine di addetti ma, al momento, rimane in attesa di una richiesta operativa da parte di Alitalia

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, suonano gratis per tutti i condomini. L’amministratore li denuncia

prev
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, Pignatone: “Inaccettabile morte di chi è affidato allo Stato”

next