Cassio, nel Giulio Cesare, afferma: «La colpa, caro Bruto, non è nelle nostre stelle, ma in noi stessi, se restiamo degli schiavi» (W. Shakespeare). Il ribelle non contempla gli astri, ma ribalta il cielo, facendo del suolo e del presente il campo stellato della sua lotta: «È deciso ad opporre resistenza, il suo intento è dare battaglia, sia pure disperata» (E. Jünger).

La forma del mondo, oggi, è la merce: ogni cosa è acquistabile, ogni vita è vendibile. La forma mentis dell’uomo, oggi, è il pensare il mondo-come-merce come il solo mondo possibile. L’uomo, oggi, si adatta in maniera conformistica, accetta l’esistente invece di criticarlo ed emendarlo. Come uno zombie, inebetito, vede tramontare la capacità di pensare un panorama diverso rispetto a quello tecno-economico. L’uomo non dice «no»: non tanto per mancanza di coraggio o forza, ma perché è incapace di pensare il «no». L’uomo è come la macchina del capitale: automatico e fatalista. Mentre la vita lo abbandona, docile e passivo esegue il suo compito, le sue operazioni: fino a quando, antiquato, lento, inefficiente e superato, sarà gettato nella discarica degli inutili e dei falliti.

copertina-pensiero-in-rivolta-208Sono sempre più rari coloro che non accettano questo orizzonte vuoto di senso e pieno di stelle plastificate, quelli che, come il Bartleby di Melville, dicono: «No». Molti intellettuali – labbra unte dal catering – preferiscono albergare nelle calde stanze del Grand Hotel Abisso, dove tra festival culturali e gang bang fanno intrattenimento a vita bassa, non per sembrare alla moda, ma per vendersi più comodamente all’ordine dominante.

Diego Fusaro, Lorenzo Vitelli e Sebastiano Caputo provano a delineare un pensiero altro rispetto al cattivo vangelo tecno-mercatista. Il loro è un Pensiero in rivolta (Barney, Siena 2014): dissidente, critico dell’ideologia finanziaria e del carattere spesso illusorio delle democrazie occidentali, sostenitore della supremazia dello stato sul mercato, delle libere nazioni contro una dispotica globalizzazione.

Se la società globale è il nuovo stato totalitario, abbiamo bisogno di una nuova Resistenza.

Diego Fusaro – Lorenzo Vitelli – Sebastiano Caputo, Pensiero in rivolta. Dissidenza e spirito di scissione, Barney Edizioni, Siena 2014

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cure palliative, guardare negli occhi la paura con lo sguardo colmo di coraggio

prev
Articolo Successivo

Cile e arte muralistica: come nasce un’opera, ce lo spiega Carrasco

next