L’accordo fiscale con la Svizzera, auspicato da anni, continua a slittare. Ma in compenso vanno in porto gli accordi sullo scambio di informazioni in materia fiscale tra l’Italia e due tra i più gettonati (finora) paradisi fiscali: Isole Cook e Jersey. Solo due settimane fa è andato in scena un clamoroso scontro tra il ministro delle Finanze elvetico Eveline Widmer-Schlumpf e il titolare del Tesoro Pier Carlo Padoan, con la prima che ha rivelato di aver dato un ultimatum all’omologo italiano e il secondo che ha risposto accusando la delegazione rossocrociata con cui sono in corso trattative di “atteggiamento ondivago”. Nonostante i tentativi di alleggerimento del giorno dopo e l’accordo multilaterale firmato due giorni fa anche da Roma e Berna, la trattativa rimane in stallo. Al contrario, appunto, venerdì sono usciti in Gazzetta ufficiale gli accordi tra il governo italiano, l’arcipelago del Pacifico associato alla Nuova Zelanda e l’isola della Manica che dipende dalla Corona inglese.

Gli accordi, il primo “fatto a Wellington il 17 maggio 2011” e l’altro a Londra il 13 marzo 2012, prevedono “lo scambio di informazioni presumibilmente rilevanti per la determinazione, l’accertamento, la riscossione di imposte, il recupero e l’esecuzione dei crediti, oppure per le indagini o i procedimenti relativi a questioni fiscali”. Inoltre ognuno dei due governi potrà consentire che rappresentanti dell’autorità competente dell’altro entrino nel proprio territorio “per interrogare persone fisiche e per esaminare documenti, previo consenso scritto delle persone interessate”. Tuttavia le disposizioni “non impongono a una parte l’obbligo di fornire informazioni che potrebbero rivelare un segreto commerciale, industriale, professionale o un processo commerciale”. Ricadono nell’accordo, sul fronte italiano, le imposte “sul reddito delle persone fisiche, sul reddito delle società, sul valore aggiunto, sulle successioni, sulle donazioni”, quelle sostitutive e quelle regionali sulle attività produttive. Le Isole Cook, invece, dovranno dare informazioni sulle imposte “sul reddito delle persone fisiche, sul reddito delle società, sul valore aggiunto” e “la ritenuta alla fonte su dividendi, interessi e canoni”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carburanti, Assopetroli: “Prezzo più alto rispetto a media Ue solo per le tasse”

next
Articolo Successivo

Mps chiederà altri 2,1 miliardi ai soci e non allo Stato. La Borsa approva

next