Elena Korovina, la “dama nera”, così come fu soprannominata l’escort russa all’epoca della morte di Marco Pantani, è stata condannata in Tribunale a Rimini ad 1 anno e 6 mesi di reclusione (pena sospesa) per circonvenzione d’incapace. L’ultima ragazza di Pantani, che nel maggio del 2004, 3 mesi dopo la morte del “pirata” nel residence “Le Rose”, finì in carcere per spaccio di droga, stavolta secondo la Procura avrebbe approfittato del figlio 40enne di un ricco albergatore riccionese, facendosi regale soldi e gioielli. L’uomo, che recentemente è stato dichiarato interdetto per quell’attitudine a spendere i soldi di famiglia in donne, cocaina e beni voluttuari, si era innamorato di Elena pur sapendo che la loro relazione era una “relazione a pagamento”.

La liaison risale al 2005, anno in cui l’albergatore inizia a regalare importanti gioielli alla russa. L’uomo non bada a spese arrivando a regalare all’amante russa un braccialetto di brillanti “tennis” del valore di 10mila euro. Nel 2007, Elena però tronca la relazione diventata troppo oppressiva ed esclusiva. Lui, l’albergatore ricco e potente, risponde con una denuncia chiedendo la restituzione dei gioielli e un risarcimento di 50 mila euro per danni morali e materiali. Secondo il riccionese, Elena pretende continuamente soldi e regali. Nel corso dell’indagine, emergono i problemi psicologici dell’uomo facilmente condizionabile. I gioielli regalati sono stati messi sotto sequestro cautelare dal Tribunale e ora che la Korovina, difesa dall’avvocato Stefano Caroli, ha dichiarato l’intenzione di restituirli l’ex amante ha rinunciato alla costituzione di parte civile. Tra un paio di mesi intanto il reato per la bella Elena si sarà prescritto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Daniela Poggiali, l’infermiera arrestata per morti sospette riceve lettere d’amore

prev
Articolo Successivo

Scuola, a Montecchio appalto senza certificato antimafia. Cantiere fermo

next