In attesa di capire se l‘ipotesi di una fusione con A2a potrà andare in porto, e in che tempi, Iren punta sul “ricambio generazionale”. La società torinese dell’acqua, dell’energia e dei rifiuti ha concluso un accordo con Cgil, Cisl e Uil per incentivare la pensione anticipata di 300 lavoratori su 4.500 totali e assumere al loro posto circa 180 persone, soprattutto giovani con contratto di apprendistato, entro il 2016. “Le aziende ex-municipalizzate a Torino hanno 12-13mila dipendenti, Fiat ne ha 7mila. Era necessario operare una razionalizzazione”, ha spiegato Francesco Profumo, presidente del gruppo, a margine di un dibattito su mercato e competitività a Stresa.

La nota diffusa dal gruppo spiega che “l’incentivazione, che sarà a totale carico del gruppo Iren e senza oneri per gli istituti previdenziali, consentirà al personale più anziano attualmente occupato di andare in pensione fino a 24 mesi prima della data di maturazione, colmando in parte il ritardo nella cessazione del rapporto di lavoro venutosi a determinare dopo la riforma del sistema previdenziale. L’uscita dei lavoratori più anziani favorirà il ricambio generazionale: a oggi gli occupati del gruppo Iren con età inferiore ai 40 anni sono meno del 15%, mentre i lavoratori con più di 50 anni d’età sono oltre il 50%, con ricadute che il gruppo vuole contrastare anticipatamente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Telecom, l’Argentina a Fintech per 960 milioni di dollari. Oltre 600 milioni in garanzia

next
Articolo Successivo

Bankitalia sul Def: “Nel 2018 debito pubblico può superare stime del governo”

next