Editoriale di Marco Travaglio, che fa un excursus della situazione precedente all’alluvione di Genova. “Per sapere di chi è la colpa dell’alluvione” – afferma – “partiamo dal nostro unico faro: Renzi. Diamo la prima parola a lui, perché parla così poco che quasi non si sente. Nell’ultimo mese ha parlato o è apparso in tv appena 77 ore. Pochi minuti dopo la tragedia, Renzi aveva già i colpevoli: la burocrazia e i giudici“. E osserva ironicamente: “Ma Renzi ce l’ha con la burocrazia degli altri. E con i giudici, quelli amministrativi dei Tar: non perché fan troppe ferie, ma perché lavorano per troppo tempo sui ricorsi contro le gare per i lavori sui torrenti. Sarà vero?”. Il condirettore de Il Fatto Quotidiano aggiunge: “A Genova il territorio è responsabilità della Regione, che da nove è retta da un renziano: Claudio Burlando. Quindi non c’entra. Eppure da quasi 30 anni è l’uomo più potente della Liguria. E’ stato assessore ai Trasporti dal 1983, vicesindaco e sindaco nel ’90-93. Risultato: 2 alluvioni in 2 anni. Poi” – continua – “arriva il pm Adriano Sansa per 4 anni: mette un geologo all’Urbanistica, pulisce i torrenti, vara un piano di bacino per i fiumi da 200 miliardi. Risultato: nessun’alluvione“. Travaglio prosegue: “Burlando però dà la colpa dell’alluvione a Sansa, sindaco 20 anni fa. E spiega: “Il modello previsionale non ha funzionato. E’ la prima volta in 10 anni”. Veramente non funzionò neanche 3 anni fa, ma fa niente. Bastava leggere le previsioni della Società meteorologica di Luca Mercalli, che avvertiva: “Per diversi giorni temporali di notevole intensità: elevato rischio di allagamenti e dissesti”. Ma Mercalli è un gufo, ci gode a parlare male del beltempo e seminare pessimismo“. Il giornalista menziona quindi il premier e la Protezione Civile: “Il 5 agosto, quando i legali delle ditte che dovevano mettere in sicurezza il Bisagno scrissero a lui, Burlando e Doria. Nessuna risposta: quel giorno Renzi diceva agli italiani “Andate in vacanza belli allegri”. La Protezione Civile? Non c’entra manco quella. L’ha detto il capo, prefetto Gabrielli. Un figo pazzesco con la polo Ralph Lauren E’ vero se non s’erano neppure accorti che pioveva. Ma 40 minuti prima che il Bisagno esondasse annunciavano: “Alle 19 sarà disattivato il servizio numero verde”. E’ tornato attivo alle 23, quando c’era già scappato il morto”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, le vignette di Vauro: dal M5S al Circo Massimo alle contestazioni a Grillo

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Burlando vs Travaglio: “Ascolti, così impara”. “Niente da imparare”

next