Rubrica mensile che nasce per mettere in risalto l’immagine con la quale fumettisti, cantautori, scrittori e artisti in generale hanno scelto di rappresentare la figura del migrante, tra immagini, musica e parole.

Oggi pubblichiamo il commento di Daniele Silvestri, grande cantautore italiano intervistato a Bruxelles durante la sesta data del tour europeo insieme a Max Gazzè e Niccolò Fabi, in concerto per la presentazione dell’album Il padrone della festa.

Un progetto che nasce dopo un viaggio dei tre artisti in Sud Sudan, insieme all’Ong Medici con l’Africa Cuamm.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omofobia: le circolari di Alfano e gli aeroplanini di carta

next
Articolo Successivo

Matrimoni gay, Fassino a Alfano: “Serve incontro, non possono decidere i prefetti”

next