Rubrica mensile che nasce per mettere in risalto l’immagine con la quale fumettisti, cantautori, scrittori e artisti in generale hanno scelto di rappresentare la figura del migrante, tra immagini, musica e parole.

Oggi pubblichiamo il commento di Daniele Silvestri, grande cantautore italiano intervistato a Bruxelles durante la sesta data del tour europeo insieme a Max Gazzè e Niccolò Fabi, in concerto per la presentazione dell’album Il padrone della festa.

Un progetto che nasce dopo un viaggio dei tre artisti in Sud Sudan, insieme all’Ong Medici con l’Africa Cuamm.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Omofobia: le circolari di Alfano e gli aeroplanini di carta

prev
Articolo Successivo

Matrimoni gay, Fassino a Alfano: “Serve incontro, non possono decidere i prefetti”

next