Sono già 1.500 e potrebbero arrivare a 2.700 le parti civili nel processo FonSai in corso a Torino. Si sta infatti procedendo all’unificazione dei due tronconi dell’inchiesta riguardanti rispettivamente gli ex dirigenti, tra cui Salvatore Ligresti e sua figlia Jonella e gli ex revisori dei conti e sindaci della società. Per quanto riguarda il secondo troncone sono state presentate nuove domande di ammissione, salite così a circa 1.200. Su queste si pronuncerà il tribunale. 

Le oltre 1.500 parti civili già ammesse al giudizio sono quelle che riguardano il processo per manipolazione del mercato e falso in bilancio a carico dei Ligresti e degli ex top manager Emanuele Erbetta, Antonio Talarico e Fausto MarchionniLe 1.200 nuove costituzioni potrebbero arrivare invece dal giudizio sui due ex revisori dei conti Ambrogio Virgilio e Riccardo Ottaviani e dei tre sindaci Benito Marino, Marco Spadacini e Antonino D’Ambrosio. A decidere sulle richieste in sospeso, forse già nella prossima udienza in programma sabato, sarà il collegio presieduto dal giudice Giorgio Gianetti. Proprio in vista della riunificazione, si tratta dello stesso collegio dell’altro troncone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lego rompe con Shell dopo video di Greenpeace contro piattaforme

prev
Articolo Successivo

Crisi, l’agenzia Dbrs conferma rating dell’Italia. La tendenza resta “negativa”

next