Sarà in vendita da lunedì 6 ottobre la nuova GoPro Hero 4. La nuova linea di action cam sarà disponibile in due versioni: Hero 4 Black a 479,95 euro e Hero 4 Silver a 379,95 euro. In più c’è l’entry level GoPro Hero proposta a 129,95 euro. Rispetto ai modelli precedenti le nuove GoPro fanno un salto in avanti dal punto di vista tecnologico visto che la Black edition vanta un processore con una potenza doppia rispetto alle precedenti. Ottima anche la capacità video di 4K30, 2.7K50 e Ultra high speed a 1080p120 fotogrammi per secondo.

In pratica la Black Hero sforna video a 4k a 30 fotogrammi al secondo (fps) video 2,7K a 50 fps e video 1080p a 120 fps che permette di effettuare slow motion ad alta qualità. In questo modo spesso si riesce a eliminare il rolling shutter, il fastidioso effetto che si verifica quando un soggetto che si sposta velocemente all’interno dell’inquadratura appare distorto a causa della velocità di scansionamento del sensore.

Altri miglioramenti, oltre agli effetti di slow motion, riguardano l’audio completamente nuovo, la qualità delle immagini (gli scatti sono a 12 megapixel), il sistema di tagging (HLight Tag, consente di contrassegnare i video durante la registrazione in modo da ritrovarli velocemente) e una interfaccia utente più semplice. Molto più veloce è anche il Wi-fi che viene accreditato di una velocità superiore del 50% a quello precedente. E’ presente anche il Bluetooth.

Stessa qualità delle immagini, ma prestazioni video inferiori per la Silver che come il modello top di gamma è impermeabile fino a 40 metri di profondità. Altre novità permettono un maggiore controllo manuale della camera con la modalità Protune che permette di manovrare i controlli di colore, nitidezza, ed esposizione: con Night Photo e Night Lapse è possibile catturare immagini spettacolari anche al buio, grazie a un controllo dell’esposizione fino a 30 secondi, mentre con QuikCapture con un solo bottone si accende la camera e iniziano le riprese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Internet, petizione “social bombing” al ministro Guidi: “Vogliamo più banda larga”

prev
Articolo Successivo

Windows 10, Microsoft lancia il nuovo sistema unico per Pc, smartphone e tablet

next