Sarà possibile tenere accesi sugli aerei telefoni cellulari e tablet in modalità connessa, senza doverli spegnere o disconnettere. Lo ha deciso la Easa, l’agenzia europea per la sicurezza aerea. Smartphone, tablet, laptop, e-reader e player Mp3 si potranno tenere accesi in tutte le fasi del volo, ma spetterà alle compagnie decidere se autorizzare l’utilizzo degli apparecchi elettronici a bordo e ci potranno essere quindi differenze tra vettore e vettore. Non è escluso che possano esserci ancora limitazioni all’uso “non stop” dei dispositivi dall’imbarco all’atterraggio: dipenderà anche dalla presenza o meno del wi-fi sull’aereo e dall’autorizzazione del singolo comandante. Quel che conta, comunque, è che ora le norme Ue lo consentono. 

Lo scorso novembre l’Easa, sulla scia di una decisione della Federal Aviation Administration statunitense, aveva già dato il via libera all’utilizzo di cellulari e tablet durante tutte le fasi del volo ma in modalità Flight Mode, quindi non per telefonare o usare la rete internet.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lampedusa: cara Figc è ora di dare un calcio all’indifferenza

next
Articolo Successivo

Hugo Chávez, il profumo dell’eternità

next