È stato trovato morto venerdì 19 settembre il sacerdote che nei giorni scorsi aveva denunciato di essere vittima di un ricatto a luci rosse da parte di un giovane straniero, arrestato dai carabinieri due giorni fa. Secondo una prima ricostruzione, don Franco Bucarini si sarebbe suicidato. Sul posto i carabinieri di Perugia, il magistrato e il medico legale. In seguito alla denuncia del sacerdote, che avrebbe una settantina d’anni, i carabinieri hanno sottoposto a fermo un giovane dell’est europeo, un romeno di 22 anni. Sembra che il ragazzo abbia chiesto al prete 4mila euro per non diffondere delle foto “intime” che il giovane avrebbe scattato insieme al sacerdote. Il ragazzo, infatti, aveva problemi economici ed era stato ospitato dal prete. Sembra che in questa occasione ci sarebbero stati dei rapporti più intimi con il sacerdote. Possibilità che invece è stata negata dal giovane romeno, che invece sostiene di essere strato lui a rifiutare delle proposte sessuali del parroco.

“Il gesto disperato di don Franco è forse provocato anche da alcune recenti indiscrezioni apparse sui media locali“, ha commentato l’arcidiocesi perugina. Don Bucarini – si legge nella nota della diocesi – era nato a Perugia il 15 febbraio 1941. Svolse gran parte del suo ministero sacerdotale in Francia e in Paesi di missione e nel 2008, dopo sua richiesta, fu incardinato nell’arcidiocesi di Perugia-Città della Pieve. Nominato parroco prima di Santa Maria Annunziata in Colombella (2 aprile 2008) e poi delle parrocchie di Canneto, Capocavallo, Cenerente, Pantano, Prugneto (18 luglio 2012). Attualmente ricopriva l’incarico di direttore dell’Ufficio diocesano per le missioni e la cooperazione tra le Chiese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Yara Gambirasio, sorella di Bossetti: “Picchiata perché difendo mio fratello”

prev
Articolo Successivo

Nubifragio Firenze, infiltrazione agli Uffizi e Palazzo Vecchio. 5 feriti nell’empolese

next