Il 15 settembre è stato l’anniversario della morte di Moana Pozzi: splendida donna, intelligente e libera. E’ stata argomento di discussione tra amici perché vidi un suo film e la trovai poco appassionata nell’arte della fellatio.

Oggi però non è di lei che voglio parlare ma dello sconosciuto mondo del sesso orale.
Sì perché è un’arte e si può imparare, benché, come dice un amico tombeur de femmes “oggi, a grandi linee tutte sanno farlo: conoscono la tecnica guardando i film pornografici, ma la donna a cui piace veramente è una rarità”. E non è un caso che nel frame del film Celebrity di Woody Allen, la domanda clou è “Ma le piace?”


 

Oltre all’entusiasmo, sono importanti anche “i mezzi” ovvero la lingua e le labbra.

C’è chi consiglia di fare esercizi di allungamento come tentare di toccarsi il naso con la lingua, provare a fare il nodo al gambo di una ciliegia tenendolo in bocca, immaginare di avere le labbra completamente spalmate di Nutella e leccare via tutto prima dal labbro superiore poi da quello inferiore, picchiettare le labbra corrugate con l’indice per scogliere le tensioni della bocca. Altro esercizio è porsi davanti allo specchio, tirare fuori la lingua al massimo senza toccare denti e labbra.

Per non parlare del controllo della mandibola (attenzione che tenuta nella stessa posizione per troppo tempo può procurare spasmi e dolore).
La lamentela maschile più comune è relativa all’uso dei denti e delle unghie. Per ciò che riguarda queste ultime c’è chi apprezza e dice: “se sono curate è bello farsi anche graffiare”. Sì, purchè siano limate a dovere, dico io. Lo sguardo, le mani, il seno, i capelli e le dita sono importanti quanto le labbra ma spesso le donne se lo dimenticano. 

Infine bisogna soffermarsi sull’importanza della respirazione per sciogliere le tensioni del collo, della mandibola, della gola e sulle posizioni più efficaci per dare più piacere possibile al partner.

Detto questo vi informo che anche in Italia , dopo la scuola di sesso orale aperta a Mosca nel 2012, si iniziano ad organizzare corsi seri e senza uomini: lezioni di anatomia, esercizi linguali davanti allo specchio e tanta voglia di migliorarsi per dare piacere sublime al proprio uomo. Appena mi comunicano dove, ve lo dico.

Venite a trovarmi anche sul mio sito www.sensualcoach.it 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Acetaie Aperte 2014, il balsamico di Modena tra gusto e spiritualità

next
Articolo Successivo

Refettorio Ambrosiano, 40 chef stellati cucinano per i poveri con gli avanzi di Expo

next