Un regalo di Apple che molti utenti di iTunes vogliono rispedire al mittente. L’idea di Cupertino di rendere disponibile a costo zero il nuovo album degli U2 non è stata apprezzata e, dopo segnalazioni e proteste sui social, la società fondata da Steve Jobs ha deciso di pubblicare online le istruzioni per eliminarlo dalla propria libreria iTunes. Tutto è iniziato lo scorso 9 settembre quando, in occasione della presentazione dei nuovi iPhone e iWatch, il nuovo lavoro della band di Bono VoxSongs of Innocence‘ è stato offerto gratuitamente e “obbligatoriamente” ai 500 milioni di fruitori di iTunes. Un album disponibile in anteprima fino al 13 ottobre a costo zero con un solo click.

“Se vuoi cancellare l’album ‘Songs of Innocence‘ degli U2 dalla tua libreria e dagli acquisti di iTunes, puoi scegliere di rimuoverlo – si legge sul sito di Apple -. Una volta che l’album è stato rimosso dall’account, non sarà più disponibile per il download come se fosse già stato acquistato. Se più tardi deciderai di rivolerlo, dovrai ricercarlo. L’album è gratis per tutti fino al 13 ottobre 2014, dopo sarà disponibile per l’acquisto”. 

In occasione del lancio Bono ha spiegato ai fan che l’ultimo lavoro del gruppo irlandese era “gratis su iTunes grazie ad Apple”. “Per festeggiare il decimo anniversario del nostro spot per l’iPod – si leggeva sul sito ufficiale – l’hanno comprato per regalarlo ai loro clienti. E’ gratis per voi, ma loro l’hanno pagato. Perché l’arte ha un costo, soprattutto per l’artista”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gli ebook nel mirino degli hacker

prev
Articolo Successivo

Tokyo Game Show 2014, il Giappone si mette in fila per le novità dell’anno

next