In poco tempo, è diventato una star di Facebook con i suoi sorrisi e il suo slogan “Stiamo uniti” pronunciato tenendo stretti i pugni. Non è Justin Bieber o qualsiasi altro idolo degli adolescenti, è un uomo che compirà 70 anni il prossimo dicembre e ha cambiato con il suo milione di fan tutte le strategie sui social network: Gianni Morandi. “Non ci sono brutte notizie”. Questo è il cartello all’entrata della pagina. Ecco il segreto di un successo inaspettato per il cantante di Bologna che, con semplicità e naturalezza, sta raccontando le sue giornate per tenere informati i suoi fan di progetti e tour, ma anche dei piccoli spostamenti, delle vacanze e delle azioni quotidiane. La sorpresa è enorme: senza alcuna strategia e aiuti da parte di esperti, Gianni è diventato ricercatissimo sui social network, non solo tra i coetanei, ma anche tra i giovani.

Seguirlo è una moda, o meglio un segno di appartenenza, che si è diffusa anche tra gli adolescenti. Il like all’autore di tanti successi come “Andavo a 100 all’ora”o “In ginocchio da te” fa sentire meglio. Un po’ come ritrovarsi un orsacchiotto che ti hanno appena regalato: non puoi criticarlo perché è buono e un commento negativo ti farebbe sentire più cattivo, non all’altezza di scorrere stati e foto di un uomo di 70 anni. Ci sono studenti che seguono corsi, lezioni all’università e teorie di esperti di social marketing, ma poi arriva Gianni Morandi e mette in dubbio tutto ciò che hanno imparato.

Uno, al massimo due post al giorno, dove scrive ciò che sta facendo o pensando. L’idea di Gianni è di mandare un saluto, di scrivere che oggi si è fermato in un’area di servizio a parlare con i suoi fan o di annunciare che il tempo della vendemmia si avvicina e l’uva (che mostra in una foto) è quasi matura. I numeri fanno gola a qualsiasi strategia di social media marketing: più di un milione di like, la media di mille condivisioni per post e tanti, tantissimi commenti.

Cliccando mi piace, si entra in un altro mondo: niente abbreviazioni (tranne per etc.), nessun “xké” o “xò” e, soprattutto, solo notizie positive. Il suo è un linguaggio che non si adegua al web: il selfie è ancora l’autoscatto e la bacheca sui si pubblicano status e foto è semplicemente un diario, o meglio ancora “un diario familiare che propone cose molto semplici, a volte persino banali”. E, poi, Gianni Morandi tiene molto ai cosiddetti credit delle foto e sotto a ogni immagine specifica se si tratta di un autoscatto o semplicemente è stata Anna, moglie che ha folgorato il cantante venti anni fa grazie ai “suoi occhi e alla sua personalità”. Insomma, non c’è privacy, ormai sappiamo tutto di Gianni e quando scrive che ha portato i nipotini a fare un giro, che c’era un albero di fichi ed erano molto dolci, nessuno ha il coraggio di scrivergli “Gianni, detto tra noi, ma che ce frega”. Forse perché è quello che volevamo leggere e ci sentiamo meglio, sollevati con un messaggio banale ma positivo. E non resta che cliccare “mi piace”.

Twitter: @carlovalentino2

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Is, le famiglie verso uno ‘Stato’

prev
Articolo Successivo

Rogoff al Corriere: “Il problema dell’Italia? La corruzione”. Ma nel titolo non c’è

next