“Messina Denaro? Se il padre era un cretino figuriamoci il figlio”. Parola di Vito Ciancimino, ex membro della Democrazia Cristiana condannato per associazione mafiosa e deceduto nel 2002. A raccontarlo durante il programma KlausCondicio, condotto da Klaus Davi, è stato il figlio, Massimo Ciancimino, ricordando un episodio del passato, quando Matteo Messina Denaro, esponente di spicco di Cosa Nostra e attualmente latitante, entrò nel suo negozio per chiedergli il pizzo.

“L’ho conosciuto, era uno molto attento all’immagine, molto curato, a differenza di quelli come mia madre e mio padre, veri paesani”. Il ricordo del figlio dell’ex politico ritrae un capo mafioso atipico, attento allo stile, a cui piacevano le belle donne e che teneva a nascondere il suo accento siciliano sforzandosi di parlare italiano: “Che poi tutta questa attenzione all’immagine, alla lingua, allo stile nella non cultura mafiosa è visto come un difetto”. Messina Denaro è latitante da 21 anni. È stato uno dei maggiori esponenti dell’ala stragista di Cosa Nostra e organizzatore di diversi attentati della stagione 1992-93 del terrorismo mafioso, tra cui la strage dei Georgofili, a Firenze. Il boss  è considerato uno dei dieci super latitanti più pericolosi al mondo e il suo ultimo avvistamento risale al 1994, quando si recò in una clinica oculistica di Barcellona per curare una forte miopia.

Ciancimino, che oggi è un testimone di giustizia riguardo alle indagini del periodo delle stragi di mafia tra il 1992 e il 1993 e indagato per concorso in associazione mafiosa e concorso in riciclaggio di denaro, ricorda anche il suo primo incontro con il boss di Castelvetrano che si presentò nel suo negozio per chiedergli il pizzo. “Ai tempi – racconta – gestivo un negozio Chateau d’Ax e sostanzialmente mi chiese di versare il pizzo. Si è presentato con un Mercedes Station Wagon a Marsala, accompagnato da un signore. Mi colpì la sua freddezza: mi guardava dritto negli occhi”. Il figlio dell’ex Dc non cedette alle richieste del boss ricercato e parlò dell’accaduto con il padre: “Lo hai mandato a quel paese? – commentò Vito Ciancimino – Hai fatto bene. Messina Denaro? Se il padre era un cretino, figuriamoci il figlio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia Romagna, sindaco: “Commercialisti e notai non ci danno informazioni”

prev
Articolo Successivo

‘La Trattativa’, ex procuratore Caselli: “Sviste e omissioni nel film della Guzzanti”

next