“Messina Denaro? Se il padre era un cretino figuriamoci il figlio”. Parola di Vito Ciancimino, ex membro della Democrazia Cristiana condannato per associazione mafiosa e deceduto nel 2002. A raccontarlo durante il programma KlausCondicio, condotto da Klaus Davi, è stato il figlio, Massimo Ciancimino, ricordando un episodio del passato, quando Matteo Messina Denaro, esponente di spicco di Cosa Nostra e attualmente latitante, entrò nel suo negozio per chiedergli il pizzo.

“L’ho conosciuto, era uno molto attento all’immagine, molto curato, a differenza di quelli come mia madre e mio padre, veri paesani”. Il ricordo del figlio dell’ex politico ritrae un capo mafioso atipico, attento allo stile, a cui piacevano le belle donne e che teneva a nascondere il suo accento siciliano sforzandosi di parlare italiano: “Che poi tutta questa attenzione all’immagine, alla lingua, allo stile nella non cultura mafiosa è visto come un difetto”. Messina Denaro è latitante da 21 anni. È stato uno dei maggiori esponenti dell’ala stragista di Cosa Nostra e organizzatore di diversi attentati della stagione 1992-93 del terrorismo mafioso, tra cui la strage dei Georgofili, a Firenze. Il boss  è considerato uno dei dieci super latitanti più pericolosi al mondo e il suo ultimo avvistamento risale al 1994, quando si recò in una clinica oculistica di Barcellona per curare una forte miopia.

Ciancimino, che oggi è un testimone di giustizia riguardo alle indagini del periodo delle stragi di mafia tra il 1992 e il 1993 e indagato per concorso in associazione mafiosa e concorso in riciclaggio di denaro, ricorda anche il suo primo incontro con il boss di Castelvetrano che si presentò nel suo negozio per chiedergli il pizzo. “Ai tempi – racconta – gestivo un negozio Chateau d’Ax e sostanzialmente mi chiese di versare il pizzo. Si è presentato con un Mercedes Station Wagon a Marsala, accompagnato da un signore. Mi colpì la sua freddezza: mi guardava dritto negli occhi”. Il figlio dell’ex Dc non cedette alle richieste del boss ricercato e parlò dell’accaduto con il padre: “Lo hai mandato a quel paese? – commentò Vito Ciancimino – Hai fatto bene. Messina Denaro? Se il padre era un cretino, figuriamoci il figlio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia Romagna, sindaco: “Commercialisti e notai non ci danno informazioni”

next
Articolo Successivo

‘La Trattativa’, ex procuratore Caselli: “Sviste e omissioni nel film della Guzzanti”

next