Sergio Marchionne, al Meeting di Cl, ha perpetuato il vizio della classe dirigente di non assumersi responsabilità ma insegnare agli italiani a vivere: “Dobbiamo smettere di aspettare il miracolo. Dobbiamo alzarci ogni giorno e decidere di fare qualcosa in modo diverso da quello che abbiamo fatto finora. Non lasciate che sia qualcun altro a definire la vostra strada”.

Antonio Frosolone, 51 enne, da sei anni cassintegrato della Fiat di Pomigliano, la sua strada l’ha definita. Da dieci giorni non mangia e non prende i farmaci per il cuore. Andrà avanti fino a quando non conquisterà “la dignità personale, riavendo il lavoro”. Sennò preferisce morire.

“La dignità” ha detto Frosolone, “è condizione per poter costruire una società sana, migliore”. Ecco uno che ha smesso di aspettare il miracolo. Adesso aspettiamo di sapere che voto gli dà il professor Marchionne, maestro di vita.

il Fatto Quotidiano, 2 Settembre 2014

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pensioni alte: maneggiare con cautela

prev
Articolo Successivo

Maurizio Landini: dal fianco dei deboli al salotto di Renzi

next