Tania Cagnotto ha vinto la medaglia d’oro nel trampolino da un metro ai campionati Europei di Berlino. L’azzurra ha ottenuto un punteggio 289.30, precedendo per soli 75 centesimi la russa 19enne russa Kristina Ilinykh (288.55) e la tedesca Tina Punzel (286.70). Quarta l’altra azzurra Maria Marconi con il punteggio di 285.50. “Per una volta ho vinto io per poco” – ha dichiarato ai microfoni di Rai Sport l’atleta bolzanina, che nel 2002 proprio a Berlino conquistò la prima medaglia europea – “Non riesco mai a far stare tranquilli quelli che guardano la gara e anche me stessa. Nel penultimo tuffo mi sono inginocchiata, sono arrivata di nuovo alla fine in cui dovevo fare il tuffone per arrivare prima. Ormai da Londra in poi mio padre è invecchiato non so più quanto. Poverino…“. E ha aggiunto: “Ci sono rimasta male per Maria Marconi. Ho visto che era stata al secondo posto per tutta la gara ed ero felicissima: io prima, e convinta di vedere lei seconda. Invece non era neanche sul podio e mi dispiace veramente, sembra quasi una disgrazia”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Passaggi Sport Festival Cesena: da Calvino a Hornby, lo sport si racconta nei libri

prev
Articolo Successivo

Premier League, guerra al caro biglietti: il Manchester City paga la trasferta ai fans

next