Aveva tra le mani la tessera numero uno, ma dopo l’uscita delle intercettazioni col suo allenatore Gaetano Ferri, Uniti si vince, il movimento referendario lanciato a Milano nel maggio scorso da Emilio Fede, e che si costituirà ufficialmente a settembre, prende le distanze dal giornalista e annuncia di aver annullato la sua tessera. A comunicarlo sono il portavoce Biagio Maimone e il segretario Andrea Monteforte. La decisione è stata presa dopo ‘i fatti emersi relativi alla conservazioni telefoniche con il suo personal trainer’

Alla presentazione a maggio Uniti si vince si era definito come un movimento in aiuto dei ‘più poveri, di chi non ha lavoro, degli indebitati, gli esclusi dal sistema economico e reintrodurli nella vita sociale riconsegnando loro la propria dignità’. Una ‘nuova casa dei moderati’ con un programma, allora riassunto in quattro punti, dallo stesso Fede: il condono di tutti i debiti contratti con l’agenzia delle entrate Equitalia, l’abolizione della segnalazione di protesto di assegno bancario o cambiario, la lotta allo “stalking” economico.

“Emilio Fede non ha mai fatto parte del movimento, ma ne appoggiava solo le iniziative – affermano adesso Monteforte e Maimone – Infatti, nelle due conferenze che si sono tenute a Verona e a Milano, Fede ha solo partecipato in qualità di ospite e mai come membro attivo del movimento: la tessera sarà annullata”. Il movimento, ha spiegato il portavoce, si costituirà ufficialmente a settembre con l’elezione dei vari organi, tra cui l’incarico di segretario confermato a Monteforte

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carabiniere morì in incidente, la famiglia chiede: “Riaprire indagini, era in servizio”

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, a Gioia Tauro sequestrate 4 tonnellate di coca. “Valore 800 milioni”

next