Un italo-olandese e suo figlio risultano fra i passeggeri dell’aereo malese abbattuto in Ucraina orientale. “A seguito dei contatti e delle verifiche in corso sulle informazioni fornite dalla compagnia aerea e dalle autorità olandesi, risulterebbero coinvolti un doppio cittadino italiano-olandese e suo figlio”, riferisce la Farnesina. Non sono state date indicazioni sull’identità di questa persona, mentre il ministero precisa che i contatti con la compagnia Malysia Airlines e con il governo dell’Olanda – Paese da cui il Boeing 777 poi precipitato era decollato ieri sera alla volta di Kuala Lumpur – sono “ancora in corso”. In una breve nota della Farnesina, si sottolinea poi che “le verifiche comunque continuano” con i vari partner “per escludere la presenza di altri italiani a bordo del velivolo”. 

A bordo del Boeing 154 olandesi (compresi l’italo-olandese e il figlio), 43 malesi (tra cui i 15 membri dell’equipaggio e due bambini), 27 australiani, 12 indonesiani (tra cui un bambino) 9 inglesi, 4 tedeschi, 4 belgi, 3 filippini e un cittadino canadese. Le nazionalità delle altre vittime devono essere ancora accertate. È stata la compagnia aerea a fornire le nazionalità in un comunicato stampa. Tra i passeggeri potrebbero esserci anche quattro francesi. Molti passeggeri, un centinaio secondo i media, erano diretti in Australia, a Melbourne, per il convegno internazionale dell’Onu sull’Aids in programma dal 20 al 25 luglio.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Malaysia Airlines, “un errore dei filorussi dietro l’abbattimento del Boeing”

next
Articolo Successivo

Malaysia airlines, le intercettazioni dei separatisti filo-russi: “Era un aereo civile”

next