Felipe Scolari lascia la panchina del Brasiledopo il quarto posto e l’umiliazione subita dalla Germania in semifinale, finita 7 a 1. Mancava solo l’ufficialità che è arrivata nella notte attraverso un comunicato sul sito della Federcalcio verdeoro (Cbf). Il presidente Marin ha accettato le dimissioni presentate dall’allenatore all’indomani della chiusura dei Mondiali, fallimentari per il verdeoro.

“Le dimissioni di Scolari sono state accettate dal presidente Marin – si legge nel comunicato –  il quale ha voluto ringraziare tutti i membri dello staff, i giocatori e i tifosi per l’amore verso i colori verdeoro mostrato in questa Coppa del Mondo. Scolari ha riportato entusiasmo intorno alla Seleçao, pur non raggiungendo l’obiettivo più grande”.

La Federcalcio brasiliana ha ringraziato Scolari per il lavoro svolto ma anche per aver riportato grande entusiasmo attorno alla Seleçao: “Abbiamo visto le persone per le strade vestite di giallo-verde, mostrare la bandiera nazionale con orgoglio come non accadeva da molto tempo. Naturalmente questo staff tecnico e questi giocatori hanno contribuito in maniera decisiva a questa sensazione di nuovo. A tutti loro va la nostra graditudine”.

E il nuovo allenatore del Brasile chi sarà? Giovedì mattina è attesa la conferenza stampa del Presidente Marin a Rio de Janeiro. Potrebbe essere l’occasione giusta per comunicare il nuovo commissario tecnico della Seleçao. Intanto però circolano già alcuni nomi. I media brasiliani sembrano concordare tutti verso un solo nome, quello di Adenor Leonardo Bacchi detto “Tite”, allenatore che col Corinthians nel 2012 ha conquistato il Mondiale per club battendo il Chelsea in finale. Resta però vacante un altro tassello fondamentale, quello di coordinatore dell’area tecnica. In pole position ci sarebbe Leonardo, ex allenatore del Milan prima e dell’Inter poi, attualmente dirigente del Paris Saint Germain. Il 44enne ex centrocampista rossonero sarebbe la figura ideale cui affidare la rinascita del Brasile dopo la disfatta Mondiale culminata con la sconfitta per 7-1 con la Germania in semifinale.

Con la Nazionale verdeoro, inoltre, Leonardo ha vinto un campionato iridato nel 1994, sotto la gestione del ct Parreira, l’uomo che ora andrebbe a sostituire nel ruolo di coordinatore. Nella giornata di giovedì è attesa una conferenza stampa del presidente della Federcalcio brasiliana José Maria Marin: potrebbe essere l’occasione giusta per un annuncio ufficiale.

Lo speciale mondiali de ilfattoquotidiano.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondiali 2014: sei motivi per stare con Messi

next
Articolo Successivo

Mondiali Brasile 2014 visti dall’Africa: dalle richieste di asilo al premio anticipato

next