L’unico sprizzo d’Italia rimasto ai mondiali  è stato Nicola Rizzoli, arbitro della finale vinta dalla Germania contro l’Argentina per 1 a 0. L’arbitro azzurro, alla Rai, rivela le emozioni di dirigere la partita più importante sul globo: “E’ stata una grande emozione e una grande soddisfazione, un motivo di orgoglio per l’Italia e per il calcio italiano. La partita è stata difficile, ma sono stato aiutato tantissimo dai giocatori e soprattutto dai miei collaboratori”.

Rizzoli non si nasconde e racconta di aver avuto qualche momento difficile: Una finale mondiale non è una gara facile – prosegue il fischietto emiliano –  ma forse il momento psicologicamente più complicato è stato dopo aver annullato il gol a Higuain, cosa che inevitabilmente ha creato qualche tensione”.

Non poteva ovviamente mancare una considerazione sulla gara e sul grande deluso della serata, Lionel Messi:  “L’ho visto molto provato, ma secondo me ha giocato un grande mondiale, però la Germania è stata straordinaria”

Infine, una dedica speciale di Rizzoli: “Per fortuna in campo internazionale si conosce il livello degli arbitri italiani, i giocatori si fidano di noi, ci si parla e tutto si può sistemare. Sono molto orgoglioso di aver rappresentato gli arbitri italiani qui al Mondiale e alla finale. A loro, e alla mia famiglia, dedico questa mia esperienza”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania – Argentina, Lahm: “Noi meglio dell’Albiceleste”

next
Articolo Successivo

Finale Mondiali 2014, bufera in Argentina: “Rizzoli ci ha derubato”

next