Al termine della finale vinta dalla Germania per uno a zero contro l’Argentina, la stampa albiceleste si è scagliata contro il direttore di gara italiano Nicola Rizzoli. Un articolo, pubblicato sul sito ole.com, individua nel fischietto bolognese il principale colpevole: “L’arbitro italiano ci ha rubato il sogno di diventare campioni. Nel secondo tempo c’era un rigore per l’Argentina”.

L’episodio incriminato è l’intervento scomposto del portiere Neuer su Higuain all’interno dell’area tedesca, sanzionato da Rizzoli con una punizione in favore della Germania. Nell’articolo si legge inoltre come il fischietto italiano venga paragonato a Edgardo Codesal, arbitro della finale di Italia ’90, reo di aver concesso alla Germania un rigore che non c’era. Sotto accusa finisce anche l’assistente Renato Faverani che avrebbe dovuto segnalare a Rizzoli l’intervento falloso di Neuer. L’episodio, c’è da scommetere, farà discutere ancora a lungo in Argentina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Germania – Argentina, Rizzoli: “Finale? Orgoglio per l’Italia”

prev
Articolo Successivo

Argentina, Maradona attacca tutti: “Il ct Sabella ha sbagliato i cambi”

next