“Non so se siamo i migliori giocatori del mondo, ma abbiamo giocato meglio di loro”.Questo il commento del capitano della Germania, Philipp Lahm, dopo il successo sull’Argentina nella finalissima del Maracanà che ha regalato alla Mannschaft il quarto titolo mondiale della sua storia. “Ciò che siamo riusciti a fare oggi negli ultimi venti minuti è qualcosa di veramente incredibile – aggiunge il laterale del Bayern Monaco -. Non ci siamo mai scoraggiati e così siamo finiti sul gradino più alto del podio. Questa Coppa era il mio sogno ed è proprio bello riuscire a vincere come prima squadra europea in America”.

Al settimo cielo anche Manuel Neuer, premiato come miglior portiere di Brasile 2014: ”E’ una gioia veramente incredibile, ora festeggeremo come minimo per cinque settimane. E quando finiremo di festeggiare ci dovranno svegliare. Il merito va anche ai tifosi, che ci hanno appoggiato e sono stati al nostro fianco. Ce ne siamo accorti che tutti volevano raggiungere questo risultato”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania – Argentina, Mascherano: “Perdere la finale? Un dolore immenso”

next
Articolo Successivo

Germania – Argentina, Rizzoli: “Finale? Orgoglio per l’Italia”

next